peperoncino in gravidanza

Benefici e controindicazioni del peperoncino in gravidanza

Si può mangiare il peperoncino in gravidanza?

Riguardo il consumo di peperoncino e cibi piccanti in gravidanza, esistono molti pareri contrastanti.

Generalmente, però, gli esperti sono concordi nel consentire il consumo di peperoncino in gravidanza, seppur con i dovuti accorgimenti e in dosi limitate.

Vediamo insieme sia i benefici del peperoncino sia le controindicazioni durante la dolce attesa.

Perché il peperoncino in gravidanza fa bene?

Come anticipato, il peperoncino in gravidanza si può mangiare perché apporta notevoli benefici alla mamma e al bambino. Fra questi:

  • è ricco di beta-carotene, luteina e flavonoidi;
  • è una fonte di vitamine A, C e del gruppo B;
  • contiene magnesio, potassio e ferro;
  • è ricco di antiossidanti;
  • favorisce la digestione;
  • favorisce la circolazione sanguigna;
  • controlla i livelli di colesterolo;
  • la capsaicina, ossia la sostanza che rende piccante il peperoncino, è ottima perché:
    • previene il diabete;
    • è considerata una sostanza anti-tumorale;
    • ha un forte potere antibatterico;
    • è un analgesico naturale.

Quindi sì, il peperoncino in gravidanza ha tanti benefici per la futura mamma e per il bambino, purché sia assunto in dosi limitate.

peperoncino in gravidanza

Leggi anche: Posso usare il pepe in gravidanza?

Gravidanza: il peperoncino fa male?

Se, invece, si assume troppo peperoncino in gravidanza, possono esserci tanti contro sia per la mamma che per il bambino, dovuti principalmente alla capsaicina e alla provitamina A.

Vediamo insieme quali possono essere, in questo caso, gli effetti collaterali del peperoncino.

  • Può causare problemi come bruciore di stomaco, nausea e vomito.
  • Può accentuare l’acidità di stomaco e la gastrite, soprattutto in soggetti che tendono a soffrirne.
  • Può causare diarrea o stitichezza in soggetti che soffrono di colon irritabile.
  • Molto delicato è il rapporto fra peperoncino ed emorroidi, così come nel caso di tutti i cibi piccanti, che tendono a peggiorare questa problematica. Il problema delle emorroidi e del peperoncino è che questo alimento aumenta la sensibilità delle mucose, causando un ingrossamento del plesso emorroidario e la formazione di ragadi sanguinanti.
  • La capsaicina provoca dolore e bruciore alle mucose e ha un effetto vasodilatatore sulle arterie e i capillari.
  • Un eccesso di vitamina A, contenuta nel peperoncino, potrebbe causare malformazioni del feto.

Alcuni falsi miti ritengono, inoltre, che il consumo di peperoncino in gravidanza stimoli le contrazioni e possa, addirittura, provocare l’aborto. Questa teoria, però, non è stata mai confermata scientificamente e si basa su antiche leggende secondo le quali, in passato, le mamme che superavano la data del parto, mangiavano il peperoncino per favorire il travaglio.

Quindi, riguardo il consumo di peperoncino, esistono ancora tanti dubbi ed è vero che in Paesi come l’America Meridionale e Centrale le donne incinte ne consumano tanto senza che accada nulla. Ad ogni modo, care future mamme, chiedete sempre prima al vostro medico e, quando proprio non sapete come comportarvi, sappiate che è sempre meglio non esagerare!

L’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione ritiene che il peperoncino non causi alcun tipo di problema se mangiato in dosi di circa 350grammi al giorno.

Ecco un video riguardante uno dei disturbi più comuni in gravidanza: le emorroidi.

Leggi anche: Bicarbonato in gravidanza: come utilizzarlo?

Mangiare piccante in gravidanza

Abbiamo visto quando il peperoncino fa male e quando fa bene alle donne incinte. In generale, si può mangiare il piccante in gravidanza purché si eviti di esagerare, come detto nel caso del peperoncino.

Un eccesso di cibo piccante in gravidanza potrebbe comportare:

  • nausea o vomito;
  • bruciore di stomaco;
  • irritazione delle mucose gastriche;
  • problemi intestinali;
  • peggioramento delle emorroidi.

Ad ogni modo, il consumo varia sempre in base alla situazione clinica della donna e solo il vostro medico saprà dirvi se mangiare o no il piccante in gravidanza.

In generale, si può mangiare anche cibo piccante e peperoncino in allattamento, purché si valuti la reazione del bambino. Questi alimenti potrebbero, infatti, modificare il sapore del latte materno e risultare sgraditi al piccolo. Basta fare una prova e valutare.

peperoncino in gravidanza

Leggi anche: Aglio in gravidanza: si può usare?

Quali spezie in gravidanza?

Quindi, senza esagerare si può mangiare peperoncino in gravidanza e si possono mangiare cibi piccanti. E per quanto riguarda le spezie, cosa succede durante la gestazione?

Di sicuro, lo zafferano appartiene alle spezie da evitare in gravidanza, perché potrebbe disturbare la coagulazione sanguigna, danneggiare le mucose del tubo digerente e dell’apparato uro-genitale.

Si possono, invece, mangiare, ma in dosi limitate:

Leggi anche: Posso mangiare il ketchup in gravidanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *