pecorino in gravidanza

Il pecorino in gravidanza è un formaggio consentito o no?

Pecorino in gravidanza

La gravidanza è un periodo molto delicato nel quale ogni piccolo problema può ingigantirsi e causare danni al feto o alla mamma. Proprio per questo le donne in dolce attesa prestano particolare attenzione all’alimentazione in gravidanza.

Esistono, infatti, alcuni cibi che possono rivelarsi pericolosi perché portatori di batteri causa di infezioni alimentari, come la listeriosi. Fra questi, molti formaggi.

Vediamo insieme se si può mangiare il pecorino in gravidanza e quali formaggi si possono mangiare in gravidanza.

Sì al pecorino in gravidanza?

Il pecorino è un formaggio molto amato, prodotto con il latte di pecora. Ne esistono diverse varietà in Italia, tra le quali:

  • il pecorino romano;
  • il pecorino toscano;
  • il pecorino di Farindola;
  • il pecorino sardo;
  • il pecorino di Pienza;
  • il pecorino siciliano;
  • il pecorino di Filiano;
  • il pecorino Bagnolese;
  • il pecorino d’Abruzzo;
  • il pecorino di Moliterno.

Le calorie del pecorino sono 387 in 100 grammi.

Nella stessa quantità di pecorino, i valori nutrizionali sono:

  • 26,94g di grassi;
  • 3,63g di carboidrati;
  • 31,8g di proteine;
  • 0,73g di zuccheri.

Care mamme, se siete amanti di questo formaggio, potete stare tranquille perché potete mangiare pecorino in gravidanza. Nonostante sia realizzato con latte crudo, si tratta, infatti, di un formaggio a crosta dura in cui il contenuto d’acqua è poco e la stagionatura non permette la proliferazione di agenti patogeni.

pecorino in gravidanza

Leggi anche: Latte in gravidanza: quale bere

Quali formaggi mangiare in gravidanza?

La questione dei formaggi in gravidanza è estremamente delicata perché essi potrebbero essere contaminati dal batterio Listeria monocytogenes, causa di listeriosi.

La listeriosi può portare febbre, diarrea, emicrania, dolori muscolari. Nonostante molto spesso passi con un antibiotico, la listeriosi in gravidanza potrebbe causare conseguenze gravi per il bambino e anche per la mamma.

La differenza fondamentale è fra formaggi pastorizzati e formaggi non pastorizzati. I primi, infatti, sono sottoposti a un processo, la pastorizzazione che, raggiungendo alte temperature, elimina gli eventuali batteri.

Come abbiamo visto, quindi, il pecorino rientra tra i formaggi che si possono mangiare in gravidanza perché appartenente all’elenco dei formaggi stagionati. Quali sono gli altri formaggi consentiti?

  • Il parmigiano, in gravidanza è concesso perché, come il pecorino, la stagionatura è lunga almeno 12 mesi e elimina ogni batterio precedentemente presente. Il parmigiano è un alimento completo e ricco di nutrienti. In particolare contiene grande quantità di calcio che alla mamma serve molto durante questo periodo.Sì anche al grana padano in gravidanza.
  • L’emmental, in gravidanza si può mangiare perché, come il pecorino, fa parte dei formaggi a crosta dura.
  • La mozzarella, in gravidanza sì anche a questo cibo molto amato, così come alla ricotta in gravidanzaperché realizzate con latte pastorizzato.
  • I formaggi prodotti industrialmente con latte pastorizzato o cotti prima del consumo, come:

Quali sono, invece, i formaggi da evitare in gravidanza?

  • I formaggi molli realizzati con latte non pastorizzato e, quindi, i formaggi a latte crudo che possono portare a contrarre la listeriosi. Questi formaggi sono cibi proibiti in gravidanza e sono, ad esempio:

pecorino in gravidanza

Leggi anche: Formaggi in gravidanza: 4 regole fondamentali da seguire

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *