gorgonzola in gravidanza

Gorgonzola in gravidanza: si può mangiare?

Gorgonzola e gravidanza

Durante la gravidanza è bene far attenzione alle cose da mangiare, ma soprattutto ai cibi da evitare per evitare di compromettere la salute della mamma e del bambino.

Particolare attenzione va fatta con i formaggi in gravidanza, il cui rischio principale potrebbe essere quello di contrarre la listeriosi, un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes.

Vediamo, ad esempio, se è possibile mangiare il gorgonzola in gravidanza.

Posso mangiare il gorgonzola in gravidanza?

Il gorgonzola è un formaggio dal gusto estremamente particolare, non amato da tutti.

In 100 grammi di gorgonzola, i valori nutrizionali sono:

  • 28,74 grammi di grassi;
  • 2,34 grammi di carboidrati;
  • 21,4 grammi di proteine.

Le calorie del gorgonzola sono, invece, 353.

Tra gli alimenti da evitare in gravidanza rientrano i formaggi molli maturati con le muffe, che sono formaggi meno acidi, più umidi, più morbidi e più acquosi rispetto ad altri. Queste caratteristiche li rendono l’ambiente ideale per la diffusione di batteri pericolosi, proprio come il Listeria monocytogenes.

Proprio per questo, non si può mangiare il gorgonzola in gravidanza. Lo stesso vale per tutti i formaggi molli.

Si può, però, mangiare il gorgonzola cotto in gravidanza perché le alte temperature eliminano gli eventuali batteri presenti. Quindi sì al gorgonzola cotto sulla pizza in gravidanza oppure la pasta al gorgonzola in gravidanza: l’importante è che il formaggio sia cotto bene.

gorgonzola in gravidanza

Leggi anche: Gorgonzola in allattamento: si può mangiare?

Formaggi da evitare in gravidanza

I formaggi da evitare in gravidanza sono quelli a pasta molle e soprattutto quelli erborinati, ossia quelli che, attraverso una tecnica chiamata erborinatura, sviluppano muffe.

Quindi, dovete evitare ogni tipo di formaggio in gravidanza come:

  • Il gorgonzola.
  • Il camembert.
  • Il brie.
  • La feta.
  • Il roquefort.
  • Il danese blu.
  • Il cabrales.
  • Il castelmagno.

In generale, tutti i formaggi non pastorizzati, poiché il latte crudo potrebbe causare la listeriosi.

Se adorate i formaggi in gravidanza la scelta migliore sono i formaggi stagionati. Le varietà dure, al contrario dei formaggi molli, contengono meno acqua, ed è dunque più difficile che i batteri riescano a crescere al loro interno.

Potete, perciò, mangiare:

In generale, tutti i formaggi pastorizzati o cotti, in cui vengono eliminati gli eventuali batteri presenti. In questo modo non vi è il rischio di contrarre infezioni come la listeriosi in gravidanza, che potrebbe avere conseguenze gravi per il bambino.

alimentazione in gravidanza

Leggi anche: Latte in gravidanza: quale bere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *