Foto polso neonato

Neonato, crisi respiratoria nella notte: corsa in ospedale grazie alla Polizia

Napoli, crisi respiratoria nel cuore della notte per un neonato

È stato colpito da una improvvisa crisi respiratoria, nel cuore della notte. Parliamo del piccolo Daniele, un neonato che ora è vivo anche grazie alla prontezza della Polizia, che ha aiutato il papà a portare il bimbo in ospedale e sventare il peggio. È successo a Napoli.

I fatti

Il piccolo Daniele, di solo un mese, è stato colpito da una violenta crisi respiratoria che ha terrorizzato il papà. L’uomo infatti, in preda al panico, dopo aver preso in braccio il figlio è sceso in piena notte in strada nella disperata ricerca di aiuto. La fortuna ha voluto che, in quel momento preciso, passasse una pattuglia del Reparto prevenzione crimine Campania, in servizio per controllare la zona vista l’emergenza coronavirus.

foto_bambino_in_ospedale

Leggi anche: Bimba di 8 mesi data per morta: poi il cuore torna a battere

Come riportato dalla pagina Facebook Agente LISA, gli uomini dell’Arma non ci hanno pensato due volte ed hanno fatto salire in macchina l’uomo che, disperato, teneva in braccio il piccolo.

Lo hanno fatto salire in macchina in massima sicurezza e in pochi minuti lo hanno portato all’ospedale Santobono, dove i medici si sono presi immediatamente cura di Daniele che ora si è ripreso. In questo periodo si verificano delle vere e proprie emergenze nell’emergenza, risolte spesso con la prontezza d’animo dei nostri agenti

si legge nel post pubblicato sui social.

Alla fine tutto è andato bene, ma la paura per i genitori del piccolo Daniele è stata tantissima.

Tante storie di solidarietà

Questa non è la prima storia di solidarietà che riguarda gli uomini dell’Arma, in questo momento difficile legato all’emergenza COVID-19. Qualche giorno fa, una bambina disperata ha chiamato i Carabinieri del proprio paese, lamentando la mancanza di cibo in casa a causa del lavoro perso dal papà.

Abbiamo fame, mio padre non lavora più ed il nostro frigorifero è vuoto. Vi prego, aiutateci!

foto_carabinieri

Anche in quel caso, i Carabinieri si sono immediatamente precipitati a casa della piccola e della sua famiglia per portargli provviste di latte, pasta, uova, biscotti e viveri di prima necessità.