menta in gravidanza

Pro e contro della menta in gravidanza

Menta e gravidanza

La menta è un’erba aromatica, dal potere rinfrescante il cui impiego oggi è molto vario.

Le future mamme possono utilizzare la menta in gravidanza senza problemi dopo il primo trimestre, ma prestando piccole attenzioni.

Menta in gravidanza: perché sì?

La menta ha numerose varietà, i cui usi sono tanti e più svariati. Si può addirittura utilizzarla per difendersi dalle zanzare o come crema emolliente per le mani.

Il problema è che un uso eccessivo, soprattutto in gravidanza, potrebbe portare effetti negativi.

Vediamo quali sono i benefici e i valori nutrizionali della menta in gravidanza, se utilizzata in dosi minime e dopo il primo trimestre:

  • contiene il mentolo;
  • è fonte di numerose vitamine, polifenoli e amminoacidi;
  • ha un forte potere decongestionante;
  • è un antidolorifico;
  • aiuta a contrastare le fastidiose nausee gravidiche;
  • l’uso di caramelle alla menta in gravidanza, consente di togliere il cattivo sapore dalla bocca prodotto dai succhi gastrici. Il potente effetto rinfrescante della menta aiuterà a rinfrescare l’alito;
  • ha un potente effetto antinfiammatorio e analgesico sull’apparato respiratorio, pertanto dei suffumigi con olio a base di menta consentono di alleviare le infiammazioni dei bronchi, evitando il ricorso ai farmaci che sono assolutamente sconsigliati nel periodo di gravidanza.

Se volete preparare una calda e piacevole tisana alla menta in gravidanza, l’importante è lasciarla in infusione al massimo 5 minuti, per evitare un effetto troppo forte.

menta in gravidanza

Leggi anche: Aloe in gravidanza: perché non utilizzarla?

Controindicazioni della menta in gravidanza

Nonostante tutte le proprietà benefiche, la menta in gravidanza, così come tutte le erbe, potrebbe comportare effetti collaterali.

Vediamo quali.

  • Se assunta di sera, può disturbare il riposo e provocare la fastidiosa insonnia, in gravidanza spesso diffusa.
  • Può causare o peggiorare il reflusso gastroesofageo, soprattutto in soggetti che ne soffrono già.

L’accorgimento più importante è quello di non eccedere nel consumo di menta in gravidanza. Come in ogni situazione, l’importante è non esagerare.

menta in gravidanza

Leggi anche: Zafferano in gravidanza: quali pericoli?

Erbe in gravidanza: quali sì e quali no?

Così come la menta, tutte le erbe in gravidanza vanno assunte con moderazione e non sono sempre benefiche.

Vediamo se e in che modo assumere erbe e tisane in gravidanza.

  • La valeriana, la melissa e la passiflora sono calmanti naturali e aiutano a combattere l’insonnia.
  • L’echinacea combatte in modo ottimale il raffreddore e gli stati influenzali.
  • Lo zenzero è il rimedio migliore per combattere la nausea.
  • Il thè verde è ottimo per contrastare stati di spossatezza e affaticamento generali.
  • La tisana di altea e la camomilla in gravidanza sono estremamente efficaci contro bruciore di stomaco e indigestione.
  • Il mirtillo rosso è il rimedio ideale contro cistite e altri infezioni del tratto urinario.

Sono invece da evitare in gravidanza, erbe quali:

  • liquirizia;
  • iperico;
  • ginseng;
  • uva ursina;
  • gingko.

Nausea e vomito in gravidanza? Guardate questo video.

Leggi anche: I benefici della malva in gravidanza

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *