malva in gravidanza

I benefici della malva in gravidanza

Malva e gravidanza

Durante la gravidanza, una donna, oltre ad avere cambiamenti psico-emotivi, cambia soprattutto la stabilità corporea e può facilmente avere momenti di debolezza fisica o altri sintomi di malessere e spossatezza.

Tra i rimedi naturali, c’è la Malva silvestris, una pianta appartenente alla famiglia delle Malvaceae e originaria, probabilmente, del Nordafrica. La si può coltivare in giardino, fiorisce nel periodo primavera – autunno, con fiori a 5 petali a forma di cuore a colorazione rosata e striature violacee.

È possibile utilizzare la malva in gravidanza sotto forma di tisana, come infuso o come decotto.

Proprietà della malva in gravidanza

Il termine malva deriva dal latino e si può tradurre con “molle”, perché da sempre ne è riconosciuta la capacità di ammorbidire.

Infatti, le sue proprietà principali sono contenute nei fiori e nelle foglie che sono ricchi di mucillagini, che conferiscono alla pianta proprietà emollienti e antinfiammatorie per tutti i tessuti molli del corpo.

La malva ha proprietà curative che la rendono adatta alle donne incinte, quali:

  • allevia le infiammazioni delle mucose ed è, quindi, un buon alleato contro tosse, catarro e mal di gola;
  • combatte afte, gengiviti e altre infiammazioni del cavo orale;
  • aiuta contro i problemi di stomaco e di intestino;
  • è uno dei principali drenanti in gravidanza dato che è un efficace rimedio contro il ristagno dei liquidi;
  • aiuta a combattere la stitichezza, la colite e le infiammazioni intestinali;
  • è utile in caso di cistite o infiammazioni dell’apparato genitale;
  • sono molto utili gli impacchi di infuso di malva sugli occhi quando sono affaticati, stanchi e doloranti o sulla pelle per la sua funzione cicatrizzante, che riesce a velocizzare il processo di guarigione delle ferite, a eliminare gli arrossamenti della pelle, le punture d’insetto e le varie irritazioni.

malva in gravidanza

Leggi anche: Zafferano in gravidanza: quali pericoli?

Come assumere la malva in gravidanza?

L’assunzione di malva in gravidanza può avvenire in vari modi, che permettono tutti di godere dei suoi benefici.

  • Si può preparare, con la malva, una tisana, utile a beneficiare delle sue proprietà. Trascorso il primo trimestre, una calda tisana alla malva in gravidanza è l’ideale per offrire un effetto calmante naturale. Per renderla ancora più forte si può anche preparare una tisana alla malva e melissa.
  • Si può preferire un decotto di malva, utile soprattutto in caso di tosse, raffreddore e mal di gola.

Per quanto riguarda il consumo di malva in allattamento, è preferibile chiedere al pediatra, per evitare che scateni reazioni allergiche nel bambino.

malva in gravidanza

Leggi anche: Tisane in allattamento: quali si possono bere?

Tisane in gravidanza: quali preferire?

Oltre la tisana di malva in gravidanza, sono molti i benefici offerti dalle tisane alle donne in dolce attesa. Ci sono molti tipi di tisane che, infatti, possono alleviare problemi fisici e stanchezza.

  • La tisana di altea, grazie alle sue proprietà congestionanti e antisettiche, è particolarmente indicata per casi di cistite e stitichezza, molto frequenti in gravidanza.
  • La tisana alla melissa, una pianta di origine orientale, è molto famosa per la sua azione calmante. È ideale per curare l’ansia, ma anche i disturbi intestinali, riuscendo ad alleviare lo stato di vomito e nausea tipico della gravidanza.
  • La camomilla, specifica per le sue proprietà antispasmodiche, è in grado di rilassare i muscoli e procurare un gradito senso di calma e di benessere. All’interno della camomilla si trovano anche le mucillagini, con proprietà antinfiammatorie che possono agire contro dolori e infiammazioni allo stomaco o all’intestino.
  • La tisana allo zenzero, dal forte potere depurativo e utile a combattere la nausea.

Agli infusi in gravidanza, si può aggiungere, per un effetto ancora più completo, un cucchiaino di miele, che essendo lenitivo ed emolliente è indicato contro la tosse secca in gravidanza.

malva in gravidanza

Leggi anche: Posso assumere la valeriana in gravidanza?

Sono laureata in Filologia Moderna (magistrale di Lettere Moderne) alla Federico II di Napoli. Non ho figli, ma ho una forte passione per il mondo dell'infanzia, per i rapporti genitori-figli e per tutto ciò che riguarda il nucleo familiare. Amo scrivere di me e di tutto ciò che mi circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *