echinacea in gravidanza

Echinacea in gravidanza: quali sono i benefici?

Echinacea e gravidanza

L’echinacea è una pianta il cui utilizzo è molto diffuso a causa dei tanti benefici che apporta.

L’utilizzo di echinacea in gravidanza è consentito purché avvenga dopo il primo trimestre e seguendo particolari accorgimenti.

Vediamo quali.

Echinacea in gravidanza: i benefici

L’echinacea ha proprietà curative davvero eccezionali, quali:

  • combatte tosse, raffreddore e influenza;
  • è ottima per rinforzare le difese immunitarie, in gravidanza spesso debilitate. I benefici dell’echinacea per le difese immunitarie sono dovute al miglioramento dell’attività di fagociti e monociti, utili a contrastare virus e batteri e dei linfociti, globuli bianchi specifici del sistema immunitario;
  • è antivirale;
  • combatte i disturbi del sistema respiratorio, grazie al potere fluidificante ed espettorante;
  • è antinfiammatoria;
  • favorisce la digestione;
  • aiuta contro la stanchezza in gravidanza;
  • aiuta a combattere le infezioni vaginali e del tratto urinario.

echinacea in gravidanza

Leggi anche: È consigliabile mangiare finocchio in gravidanza?

Echinacea: controindicazioni in gravidanza

Nonostante i tanti benefici, l’echinacea ha proprietà e controindicazioni ed è importante avere alcuni accorgimenti soprattutto per l’utilizzo durante la dolce attesa.

Alcuni recenti studi hanno escluso il pericolo di effetti collaterali dell’echinacea durante i primi 3 mesi di gravidanza. Ad ogni modo, per una precauzione in più, si consiglia di utilizzare echinacea in gravidanza dopo il primo trimestre, perché, come sapete, è la fase più delicata della gestazione.

In caso di scorretto utilizzo di echinacea, gli effetti collaterali potrebbero essere:

  • reazioni allergiche in soggetti predisposti;
  • problemi relativi all’interazione con paracetamolo e farmaci immunosoppressori;
  • problemi nella formazione del sistema immunitario dei bambini, quindi si sconsiglia l’uso di echinacea per bambini almeno prima che compiano un anno d’età.

echinacea in gravidanza

Leggi anche: Aloe in gravidanza: perché non utilizzarla?

Come assumere l’echinacea in gravidanza?

I diversi tipi di echinacea sono:

  • l’echinacea pallida, utile contro stati influenzali, infezioni vaginali e listeriosi;
  • l’echinacea angustifolia, utile a potenziare il sistema immunitario;
  • l’echinacea purpurea, utile in caso di herpes simplex e ferite superficiali.

Sono tanti i modi per usufruire dei benefici dell’echinacea in gravidanza.

  • Si può utilizzare la pomata di echinacea per uso esterno: utile a cicatrizzare le ferite e guarire scottature, dermatiti, eruzioni ed escoriazioni.
  • Si può preferire una calda tisana di echinacea, in gravidanza dall’effetto calmante e benefico.
  • Assumere echinacea in gocce o echinacea in compresse solo se consentite dal proprio ginecologo, per evitare che interagiscano con il corretto svolgimento della gravidanza.

Ecco un video che mostra i benefici dell’echinacea in caso di raffreddore.

Leggi anche: La melissa in gravidanza: sì o no?

Amo, scrivere, leggere e comunicare e ho sempre pensato che fosse giusto studiare tanto per fare delle proprie passioni un lavoro. Per questo, mi sono laureata in Editoria, e ora lavoro nel campo del giornalismo e della comunicazione. Sono una giornalista pubblicista iscritta all’Ordine e mi occupo di copywriting, editing e mansioni redazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *