aloe in gravidanza

Aloe in gravidanza: perché non utilizzarla?

Aloe e gravidanza

L’utilizzo dell’aloe in gravidanza è sconsigliato a causa del rischio di contrazioni uterine e spasmi addominali.

Questi rischi sono reali, ma ci sono casi in cui è possibile, comunque, usufruire dei benefici dell’aloe vera in gravidanza.

Vediamo in che modo.

Effetti collaterali dell’aloe in gravidanza

L’aloe è uno dei rimedi naturali più utilizzati per curare molteplici problematiche. Durante la dolce attesa, però, è opportuno evitarne il consumo, che potrebbe nuocere alla mamma e al bambino.

Addirittura, in passato, l’aloe veniva utilizzata dalle donne che volevano interrompere la gravidanza perché era considerata una delle piante abortive. E, inoltre, le donne Maya ne strofinavano le foglie sul seno per velocizzare lo svezzamento del bambino.

Il divieto riguarda anche l’utilizzo di aloe in allattamento, che potrebbe modificare il sapore del latte materno e risultare sgradito al bambino.

Gli effetti collaterali dell’aloe vera in gravidanza potrebbero essere:

  • crampi e spasmi addominali;
  • effetto purgante e diarrea;
  • aborto spontaneo.

Il problema è negli antrachinoni, sostanze contenute all’interno dell’aloe, che, oltre ad avere proprietà lassative, potrebbero stimolare le contrazioni uterine.

Ci sono, però, dei casi in cui si può utilizzare senza problemi l’aloe in gravidanza.

aloe in gravidanza

Leggi anche: I benefici della malva in gravidanza

Come beneficiare delle proprietà dell’aloe in gravidanza?

L’aloe vera ha benefici dei quali possono godere anche le donne incinte in determinate situazioni.

I pericoli, infatti, riguardano la pianta di aloe intera, ma non i prodotti a base di aloe presenti in commercio.

Ad esempio, il gel di Aloe Forever è privo di antrachinoni e aloina ed è lavorato a mano per proteggerne i componenti essenziali.

Infatti, eliminati gli antrachinoni, l’aloe vera ha proprietà benefiche, quali:

  • è antinfiammatoria;
  • è antibatterica;
  • è antivirale;
  • è antidolorifica;
  • contiene vitamine, sali minerali e aminoacidi;
  • importante il legame fra aloe e diabete: da una ricerca del David Grant USAF Medical Center at Travis Air Force Base di Fairfield in California è emerso che l’aloe abbassa i livelli di zuccheri nel sangue di coloro che sono nella fase diabetica iniziale.

Si può usare l‘aloe vera in gel per uso esterno in gravidanza in caso di applicazioni sulla superficie della pelle, ma non per ferite profonde e aperte. Per questo, se si hanno problematiche cutanee durante la gravidanza, è meglio trovare metodi alternativi, in quanto anche il gel potrebbe provocare peggioramenti con reazioni allergiche o rush cutaneo.

Indubbiamente, il succo di aloe o le erbe a base di aloe sono curativi per le tante proprietà dell’aloe vera già viste.

L’importante è chiedere sempre al proprio ginecologo prima dell’utilizzo.

Ecco un video che tratta l’argomento legato all’utilizzo di aloe in gravidanza.

Leggi anche: Prezzemolo in gravidanza: si può usare o fa abortire?

Sono laureata in Arti e scienze dello spettacolo Teatrale dell'Università "La Sapienza". Mi occupo di teatro recitando in diverse compagnie, e da quando sono madre amo raccontare ciò che vivo con il mio bimbo studiando scrupolosamente e "rubando" i racconti delle mie amiche madri per poi trascriverne il contenuto. Approdo al Blog con la voglia di creare confronti fra genitrici proprio come si farebbe su di una panchina di un parco. Email: c.spedaliere@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *