pesce spada in gravidanza

Pesce spada in gravidanza: si può mangiare?

Pesce spada in gravidanza

Il consumo di pesce in gravidanza è assolutamente consigliato per la corretta salute della mamma e del bambino.

Esistono, però, alcuni pesci da evitare in gravidanza perché potrebbero causare problemi.

Vediamo, ad esempio, se si può mangiare il pesce spada in gravidanza.

Pesce spada in gravidanza: sì o no?

Le future mamme devono evitare di mangiare pesce spada in gravidanza perché appartiene a quella lista di pesci che potrebbero contenere mercurio.

Il pesce è una fonte importante di elementi nutritivi come gli acidi grassi omega-3 e lo iodio, che favoriscono il corretto sviluppo del sistema nervoso. Ma alcuni pesci tendono anche ad accumulare contaminanti ambientali, come il metimercurio ed è per questo che sono vietati in gravidanza.

Il mercurio è un metallo normalmente presente nell’ambiente, rilasciato dagli scarichi industriali inquinanti. Quando il mercurio contamina gli animali acquatici, i batteri lo trasformano in una forma più pericolosa di quella normale. Il mercurio nel pesce si rivela dannoso per lo sviluppo del sistema nervoso e del cervello.

L’Fda e l’Epa consigliano, perciò, di evitare soprattutto i pesci di grossa taglia, come:

Il divieto vale sia per le donne in gravidanza che in allattamento, così come per i bambini piccoli.

Evitare anche il pesce spada affumicato, in gravidanza.

pesce spada in gravidanza

Leggi anche: Si può dare il tonno in scatola ai bambini?

Pesce in gravidanza: quale sì e quale no?

In questa fase della nostra vita dovremmo mangiare pesce almeno due volte a settimana. Il pesce è un’importante fonte di proteine, acidi grassi omega-3 e iodio.

Considerando, però, che alcuni sono vietati e altri consigliati, molte future mamme si chiedono: “Quali pesci mangiare in gravidanza?”

Si possono mangiare:

  • alici;
  • sardine;
  • trote;
  • orate;
  • spigole;
  • merluzzi;
  • naselli;
  • cefali;
  • salmone.

Sono, invece, pesci da evitare in gravidanza:

  • il sushi e tutto il pesce crudo;
  • i pesci potenzialmente contaminati da mercurio;
  • il pesce affumicato, in gravidanza è pericoloso perché l’affumicatura non elimina gli eventuali batteri.

I cibi in gravidanza sono funzionali sia per il sostentamento della mamma che per un sano sviluppo del feto. Una dieta sana e bilanciata in generale presuppone il consumo di: proteine (carni, pesce, legumi); carboidrati (cereali, pasta, pane e riso); latte e derivati (formaggi); frutta e verdura.

Ogni donna in attesa dovrebbe conoscere i cibi da non mangiare in gravidanza e scegliere gli alimenti più sicuri per se stessa e per il bambino. Alcuni alimenti possono comportare, infatti, il rischio di contrarre toxoplasmosi, salmonella, o listeriosi. Intossicazioni che, in questa fase particolare della nostra vita, possono essere pericolose per la gravidanza e la salute del feto.

Le cose da non mangiare in gravidanza sono: pesce crudo, in particolare i crostacei; uova crude o poco cotte; germogli crudi; formaggi molli non pastorizzati (brie, feta, Camembert, Roquefort, gorgonzola, tome e tomini freschi); latte non pastorizzato; carne cruda o poco cotta.

pesce spada in gravidanza

Leggi anche: Vongole in gravidanza: si possono mangiare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *