salmone affumicato in gravidanza

Salmone affumicato in gravidanza: perché no?

Salmone in gravidanza: sì o no?

Il consumo di pesce in gravidanza è soggetto a molti dubbi, a causa delle possibili infezioni derivanti da alcuni tipi di pesci.

Vediamo, in particolare, perché sarebbe da evitare il consumo di salmone affumicato in gravidanza.

Salmone affumicato in gravidanza: si può mangiare?

Il salmone è un pesce molto amato, soprattutto se affumicato, ma è opportuno non mangiare salmone affumicato in gravidanza.

Esistono, infatti, due metodi di affumicatura: a freddo o a caldo; quest’ultima distrugge più batteri, ma è sempre meno praticata, soprattutto in Italia. In entrambi i casi, però, si tratta di salmone affumicato crudo, quindi non vi è cottura, e non si può parlare di salmone affumicato cotto.

Non essendoci cottura, i batteri eventualmente presenti potrebbero tranquillamente sopravvivere all’affumicatura e, quindi, potrebbe esserci contaminazione da:

  • salmonellosi;
  • batterio del pesce crudo (Anisakis);
  • listeriosi;
  • sindrome botulinica, che si verifica in caso di botulino nel salmone in scatola.

L’affumicatura colpisce solo la parte esterna del pesce che, quindi, all’interno resta crudo e i batteri non vengono eliminati.

Quindi, a chi chiede: “Ma il salmone affumicato fa bene in gravidanza?”, rispondiamo di no. È preferibile evitare, infatti, qualsiasi tipo di pesce affumicato in gravidanza.

salmone affumicato in gravidanza

Leggi anche: Filetto di tonno o tonno in scatola in gravidanza: quale preferire?

Come si può mangiare il salmone in gravidanza?

Anche se in gravidanza, il salmone affumicato fa male, non è escluso che questo tipo di pesce possa essere mangiato in altro modo.

Si può, ad esempio, mangiare;

  • il salmone cotto in gravidanza, purché sia di provenienza sicura e garantita;
  • il salmone marinato in gravidanza.

Sono, invece, pesci da evitare in gravidanza:

  • il salmone affumicato;
  • il salmone crudo.

Per quanto riguarda il consumo di salmone durante il periodo dell’allattamento, occorre provarlo un po’ alla volta in dosi minime. Potrebbe, infatti, causare coliche al neonato o modificare il sapore del latte. Quindi sì al salmone affumicato in allattamento, ma con moderazione.

salmone affumicato in gravidanza

Leggi anche: Gamberetti in gravidanza: si possono mangiare?

Salmone in gravidanza: pro e contro

Quindi, se si evita il consumo di salmone affumicato in gravidanza o crudo, il salmone si può mangiare. Ma vediamo quali sono i benefici e quali i rischi.

I benefici del salmone, come quelli di tutti i tipi di pesci in gravidanza, sono tanti.

  • Contiene vitamina A.
  • È un’importante fonte di omega3 e iodio, che aiutano il corretto sviluppo del feto.
  • Contiene vitamina D, fondamentale per l’apparato scheletrico e per lo sviluppo delle ossa del bambino.
  • È ricco di proteine.

Così come i benefici, però, vi sono anche le controindicazioni legate al consumo di salmone.

  • Un eccesso di sodio non è consigliato a chi soffre di ipertensione.
  • Contiene molti grassi saturi, dannosi perché aumentano il livello di colesterolo.

Ecco un video che elenca i benefici degli omega3, di cui il pesce è ricco.

Leggi anche: Sushi in gravidanza: si può mangiare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *