foto_anziani

Coronavirus, la frase shock: “Inutile salvare anziani obesi e fumatori”

Coronavirus, polemiche in Olanda per una frase shock

Sta facendo discutere e non poco una frase infelice e fuori luogo pronunciata, in piena emergenza coronavirus, dal giornalista e conduttore televisivo olandese Jort Kelder. Il cinquantacinquenne, in diretta, ha attirato parecchie critiche salvo poi correggere il tiro e rimediare a quanto detto. L’uomo, in particolare, ha sottolineato che in Olanda si sta pensando inutilmente a salvare la popolazione anziana, molta della quale composta da obesi e fumatori, perché nel giro di due anni potrebbe morire.

La frase che sta facendo discutere

Il giornalista, amico del primo ministro olandese Mark Rutte, è stato bersagliato e preso di mira sui social dopo la frase incriminata.

Stiamo salvando gli ottantenni obesi che fumano. È bene bilanciare gli interessi, chissà quanti danni economici comporterà il salvataggio di persone che sicuramente potrebbero morire entro due anni

ha detto in diretta televisiva.

foto_kolder

Leggi anche: Coronavirus. Bambini con i nonni? Meglio evitare. Ecco perché

La spiegazione dopo la gaffe

Dopo la gaffe, Kelder è stato costretto a rimediare e a spiegare il significato delle sue parole:

Non stavo suggerendo di uccidere anziani obesi. Cerchiamo di aiutarli, ma prestiamo anche attenzione all’economia. Pensiamo sempre alla salute, ma siamo sicuri che sia prioritaria rispetto all’economia?

ha precisato in un post sui social.

Tutto inutile: il giornalista è stato pesantemente attaccato dagli utenti del web: c’è chi, addirittura, gli ha suggerito di prestare soccorso in qualche casa di cura, in modo da rendersi utile.

Leggi anche: Coronavirus, primo ministro afferma: “Moriranno molti vostri cari”

Il coronavirus in Olanda

Anche in Olanda il bilancio legato ai contagi e alle vittime di coronavirus continua ad aggravarsi. Ad oggi, come riporta il National Institute for Public Health and the Environment (Rivm), sono 20.549 i positivi al virus in Olanda, con un incremento di 969 in un giorno. 2.248 invece le vittime, 147 solo nelle ultime 24 ore.