foto_coronavirus

Coronavirus, primo ministro afferma: “Moriranno molti vostri cari”

Coronavirus, anche in Inghilterra ora è emergenza

Non tende ad arrestarsi il numero di contagi da COVID-19, il virus che sta mettendo in ginocchio il mondo intero. Se l’Italia risulta al momento il secondo paese più colpito dopo la Cina, anche in Inghilterra stanno aumentando in modo esponenziale i casi: si parla di circa 10.000 contagi. Eppure, il primo ministro Boris Johnson non sembra voler adottare delle misure adatte.

Inghilterra, la dichiarazione di Johnson che fa discutere

In particolare, il già leader del Partito Conservatore sta facendo discutere in queste ore per una serie di dichiarazioni dure ed allarmanti, rilasciate in occasione della conferenza stampa tenuta a Londra.

È la più grave crisi sanitaria in una generazione, moriranno molti nostri cari

ha ammesso il Primo Ministro.

foto_boris_johnson

Leggi anche: Coronavirus, infetta anche i bambini e i neonati: i dati

Il premier ha tuttavia ribadito che, prendere misure troppo contenitive, non cambierebbe la situazione ma anzi potrebbe sembrare addirittura risultare controproducente. Da Londra, il primo consiglio per cercare di vincere contro l’emergenza COVID-19 resta quello di usare acqua e sapone. Per chi ha sintomi, la raccomandazione è quella di riguardarsi a casa. Insomma: nel Regno Unito la vita procede senza particolari allarmismi e stravolgimenti.

Quello che Johnson ha voluto fare nel suo discorso, è preparare il popolo britannico a perdere da un momento all’altro membri della propria famiglia, le persone a loro più care. E se c’è chi elogia il premier, definendo il suo intervento cupo ma giusto, c’è chi invece ne sottolinea la totale chiusura ed il rifiuto nei riguardi di un approccio medico-scientifico che potrebbe portare a soluzioni più drastiche, ma necessarie per contenere il contagio.

procedure coronavirus

Leggi anche: Coronavirus, quando allarmarsi? Tutto quello che c’è da sapere

Le (discutibili) dichiarazioni di Vallance

Non sono passate inosservate nemmeno le parole di Patrick Vallance, una delle due massime autorità mediche del governo di Johnson.

foto_patrick_vallance

Il 60% dei britannici dovrà contrarre il Coronavirus per sviluppare l’immunità di gregge

ha detto l’esperto stamane a Sky News, aggiungendo che

il Coronavirus è una brutta malattia ma nella maggioranza dei casi ha soltanto sintomi lievi, il virus sarà stagionale e tornerebbe anche il prossimo inverno. Per questo è importante sviluppare un’immunità di gregge, per tenere sotto controllo il virus a lungo termine