melanzane in gravidanza

Melanzane in gravidanza: proprietà e benefici

Melanzane in gravidanza

Riguardo l’assunzione di melanzane in gravidanza è stata sollevata una polemica che tutt’ora lascia in confusione molte future mamme.

La polemica che interessa questo ortaggio consiste nelle considerazioni che derivano da ipotesi avanzate dalla medicina alternativa biodinamica.

Vediamo, quindi, se le melanzane fanno parte dei cibi da evitare in gravidanza oppure no.

Melanzane e gravidanza: sì o no?

Secondo la teoria elaborata dalla medicina alternativa biodinamica, le melanzane, le patate, i peperoni e i pomodori ridurrebbero la crescita degli organi fetali.

Ma questa teoria non ha alcuna base scientifica e, quindi, può essere smentita. Se, infatti, non ci sono controindicazioni del ginecologo e la gravidanza non è a rischio, si possono tranquillamente mangiare le melanzane in gravidanza.

melanzane in gravidanza

Leggi anche: Peperoni in gravidanza: perché fanno bene?

Melanzane: benefici e proprietà

A proposito delle melanzane, è bene sapere che non solo non fanno male, ma addirittura fanno bene alla mamma e al bambino. In particolare questo ortaggio contiene pochissime calorie e permette un buon apporto di fibre e sali minerali.

Le melanzane sono utili contro:

  • obesità;
  • diabete mellito;
  • anemia;
  • patologie della pelle;
  • disturbi della tiroide;
  • aterosclerosi;
  • metabolismo lento;
  • ischemia;
  • calcoli biliari;
  • aritmie cardiache;
  • stitichezza;
  • gambe gonfie;
  • bruciore di stomaco.

Inoltre, in 100 grammi di melanzana, i valori nutrizionali sono:

  • 92,7% di acqua;
  • 2,6% di carboidrati;
  • 2,6% di fibre;
  • tracce di grassi;
  • 2% di proteine.

Le calorie delle melanzane sono appena 18 in 100 grammi.

melanzane in gravidanza

Leggi anche: Stitichezza in gravidanza: sintomi, cause e rimedi

Cosa mangiare in gravidanza?

Già dall’inizio della gravidanza è bene assicurarsi che non ci siano particolari intolleranze e malattie che possano modificare la corretta dieta in gravidanza.

Una delle patologie alle quali fare attenzione è il diabete gestazionale, che impone un certo regime alimentare ed una costante supervisione dei livelli di zuccheri nel sangue.

Oltre alla selezione dei cibi, è fondamentale fare attenzione alla preparazione, alla quantità e alla distribuzione settimanale di tali alimenti. Affinché possa definirsi una dieta corretta è bene utilizzare alcuni accorgimenti già dall’inizio del periodo di gestazione.

Una corretta alimentazione in gravidanza prevede l’assunzione di tutti i nutrienti necessari alla salute materna ed alla corretta crescita ed il sano sviluppo del bambino. Affinché sia garantito un apporto nutrizionale vario è bene accertarsi di assumere tutti i tipi di alimenti. La dieta così può definirsi equilibrata, ma deve essere fatta anche di cibi sani. Accertarsi della provenienza e della qualità di ogni alimento è importante, soprattutto in una fase così delicata.

Per quanto riguarda le verdure in gravidanza è estremamente importante fare attenzione al lavaggio e alla cottura.

  • Prediligere le verdure cotte come, ad esempio, le verdure grigliate, in gravidanza sicure e benefiche.
  • Evitare le verdure crude, in gravidanza pericolose perché potenzialmente contaminate da batteri.

Fare attenzione all’igiene, alla cottura, e le quantità ingerite.

verdure grigliate in gravidanza

Leggi anche: Pomodori in gravidanza: si possono mangiare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *