Dimagrire in gravidanza

Dieta gravidanza: cosa mangiare e cosa non mangiare

Dieta gravidanza

La salute del nascituro dipende da quella della madre; essa, a sua volta, è strettamente correlata a una buona dieta giornaliera. Avere una dieta corretta favorisce un buon esito della gravidanza e delle condizioni materne non predisponenti a molte patologie ostetriche; tuttavia, è possibile dover perdere peso in gravidanza, per evitare complicanze.

Dieta

La dieta prevede alcuni cibi in gravidanza che sono da favorire, secondo quelle che sono le indicazioni della Piramide Alimentare, ma ne scoraggia altri potenzialmente pericolosi. Come fare la dieta? Intanto per dieta non si intende per forza la perdita del peso in più, ma semplicemente il mantenimento di un’alimentazione varia ed equilibrata; programmare la dieta già dai primi mesi di gestazione può essere utile per evitare l’eccessivo incremento ponderale. Una dieta leggera specie all’inizio favorisce la riduzione di sintomi comuni: nausea, vomito e mal di stomaco.

Dieta inizio gravidanza

Nel corso delle prime settimane è facile perdere chili gravidanza; la donna infatti tende a rigurgitare tutto ciò che mangia e a manifestare una normale inappetenza. La presenza di algie addominali e coliche in gravidanza incoraggia l’assunzione di pochi liquidi e di cibi prevalentemente zuccherati; la dieta senza zuccheri, per tutto il primo trimestre, non è giustificata in toto, poiché la glicemia tende ad abbassarsi tutte le volte che la donna vomita o va di corpo; tuttavia, regredita questa sintomatologia, è opportuno controllare la quantità e la qualità di ciò che si mangia. Le vitamine per ingrassare non servono, perché non si sostituiscono a una normale dieta, e comunque restano utili durante le prime settimane di gravidanza. Contro la disidratazione indotta dal vomito è possibile bere succhi di frutta.

Dieta in gravidanza

Intanto, alla base di una buona alimentazione troviamo frutta e verdure, per un totale di almeno 5 porzioni al giorno; tra questi si ricordano principalmente i kiwi in gravidanza, che contengono molta vitamina C, che aiuta l’assorbimento del ferro. Vanno preferiti sempre i frutti di stagione, come d’estate il melone, che non fa ingrassare; esso infatti ha tanti benefici, tra cui il contenuto liquido, inoltre allevia il bruciore di stomaco e ha un normale contenuto di fibre contro la costipazione.

Le verdure contengono vitamine e sali minerali, ecco perché sono fondamentali, ma si deve ricordare di lavarle bene per evitare la toxoplasmosi; ad esempio gli spinaci, che contengono luteina (antiossidante) sono tra le verdure a foglia verde che in gravidanza dovrebbero essere mangiati di più. Altrettanto utili sono le carote, sia crude che cotte al vapore, come fonte sempre di vitamina C, A e B6; queste sono contenute anche nei peperoni, quelli rossi, che possono essere mangiati alla grigia o all’insalata. Le insalate rientrano tra i cibi che la gravida può consumare tranquillamente, anche nel I trimestre; esse possono essere condite con aceto. L’aceto in gravidanza è antiemetico, e una goccia nella propria porzione può alleviare la nausea persistente.

Per quanto riguarda il pesce, è importante la provenienza e la freschezza; il merluzzo e le acciughe, ad esempio, sono meglio del pesce spada; quest’ultimo può contenere mercurio. I gamberoni, sempre vigendo una buona cottura, possono assolutamente essere consumati.

La carne in gravidanza è un’ottima fonte di proteine, ma anche in questo caso è la cottura a fare la differenza, come nel caso della carne di maiale; diverso è il discorso della porchetta in gravidanza di cui preoccupa il grande contenuto di sale al suo interno. Il sale fa ingrassare? La risposta è no, però in gravidanza, se eccessivo, può scompensare la pressione arteriosa. Tra i tipi di carne, anche la salsiccia è molto discussa, poiché realizzata con scarti della lavorazione del maiale e spesso difficile da cuocere perché troppo spessa.

Cosa non mangiare in gravidanza

Cosa non si deve mangiare in gravidanza? In primis evitare alcolici e superalcolici, ma bere almeno 2 litri di acqua al giorno; successivamente vanno evitate le uova non cotte perché aumentano il rischio di salmonella. Sono da preferire le uova sode. Vanno evitati poi i frutti di mare, sia crudi che cotti; non è possibile mangiare pesce crudo in gravidanza, e l’insalata di mare deve essere controllata per accertarsi che tutto sia cotto, soprattutto il polpo o i calamari. Bere latte in gravidanza è possibile, purché si eviti quello crudo (non pastorizzato); il latte di soia può essere bevuto ed meno grasso rispetto al latte vaccino. Anche la panna da cucina, contenuta in svariate ricette può tranquillamente essere consumata, alla pari di quella contenuta nei dolci (purché non si esageri!).

Dimagrire in gravidanza

L’aumento di peso consentito in gravidanza si aggira intorno ai 12,5 kg; tuttavia va considerato il peso iniziale, visto che donne magre possono prendere tranquillamente fino a 16 kg. Come non ingrassare in gravidanza? Il trucco sta nel mangiare poco e spesso, e non per due ma due volte meglio. La dieta integrale, ad esempio, può essere utile per la stitichezza, ma a lungo termine può essere mancante di alcune sostanze fondamentali nei 9 mesi; così come la dieta senza pane e pasta può essere eccessiva perché mancante di carboidrati comuni; tuttavia alcuni dietologi la consigliano nei casi in cui la donna sia già particolarmente sovrappeso e serve una dieta in gravidanza per dimagrire in modo semplice. Esistono comunque dei cibi consigliati per mantenere un’alimentazione sana per dimagrire e sia per mantenere il peso forma. Lo yogurt, i finocchi, e il riso sono consentiti. Il riso fa ingrassare? La risposta è no, però preferire legumi come le lenticchie sarebbe meglio.

Maionese in gravidanza

La maionese in gravidanza ha un rischio legato alle uova, le quali devono essere fresche e pastorizzate al momento della produzione. Per certi versi quella industriale risulta più sicura di quella fatta in casa, poiché la legislazione europea controlla le uova utilizzate; se proprio la si vuole preparare in casa esistono ingredienti già soggetti a pastorizzazione.

Gelato in gravidanza

Specie in estate è possibile mangiare il gelato; vanno preferiti i gusti alla frutta perché meno calorici.

Gelato in gravidanza

Mozzarella in gravidanza

Tra i formaggi in gravidanza la mozzarella è sicura, così come la fontina e il parmigiano. Sono banditi i formaggi a crosta bianca (taleggio).

Dieta settimanale equilibrata

Condurre una dieta ipocalorica settimanale può essere utile in caso di eccessivo aumento di peso; tuttavia, come in tutte le diete, dovrebbe esserci un giorno dove scegliere un pasto libero. Per esempio, è possibile mangiare la pizza in gravidanza, mantenendo per gli ingredienti che si scelgono le stesse accortezze dei singoli alimenti. Cosa fa ingrassare? I cibi eccessivamente fritti, grassi, o che contengono salse (ketchup). È preferibile attenersi a ricette in gravidanza sane, salutari e soprattutto leggere.

Ostetrica, appassionata di ricerca clinica e scientifica. Sognatrice convinta, viaggio più del tempo che ho a disposizione e leggo libri nei rari momenti liberi che mi ritaglio. Scrivo e parlo tanto (troppo!) perché credo nell'enorme potere che ha l'informazione, e soprattutto nella forza che ogni donna ha nel mettere al mondo il proprio bambino. Email: c.lumia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *