hamburger in gravidanza

Hamburger in gravidanza: sì o no?

Hamburger in gravidanza

Esistono cibi da evitare in gravidanza perché potenzialmente dannosi per la mamma e il bambino, come alcuni tipi di carne in gravidanza.

Vediamo, ad esempio, se si possono mangiare gli hamburger in gravidanza.

Hamburger in gravidanza: quali scegliere?

Durante la gravidanza è naturale desiderare determinati tipi di alimenti e gli hamburger possono rientrare tra questi. È molto difficile resistere alla deliziosa combinazione di carne, verdure, lattuga e maionese.

Generalmente, i nutrizionisti chiedono alle donne in gravidanza di resistere a mangiare alimenti ipercalorici o poco sani. Gli hamburger disponibili nei fast food sono considerati cibi vietati in gravidanza perché estremamente ipocalorici e, soprattutto, cucinati con carne di dubbia provenienza. Hamburger pieni di grasso, infatti, possono essere deleteri da un punto di vista nutrizionale. In questo caso essi rappresentano alimenti da evitare in gravidanza. Essi servirebbero soltanto ad aumentare il peso e il colesterolo della futura mamma.

Rientrano, invece, nella corretta alimentazione in gravidanza, gli hamburger fatti in casa, dei quali si conosce la provenienza della carne. Ovviamente, occorre cuocerli bene perché la carne cruda in gravidanza potrebbe essere nociva per il bambino.

Quindi, care future mamme, se avete un’intensa voglia di hamburger in gravidanza, non vi sono controindicazioni nel mangiarne, purché rispettiate le regole dette sopra. Gli hamburger presenti al supermercato sono in genere elaborati secondo rigidi standard di sicurezza. Quindi, sulla base di ciò, hanno meno possibilità di essere contaminati.

In definitiva, gli hamburger in gravidanza possono essere buoni come opzione occasionale, purché si conosca bene l’origine del prodotto. È, inoltre, necessario controllare se l’hamburger contiene o meno qualsiasi sostanza a cui si è allergiche ed è consigliabile consumare non più di un hamburger ogni dieci giorni in gravidanza. Per quanto riguarda le calorie degli hamburger, e i valori nutrizionali, essi vanno calcolati sempre in base al tipo di carne scelta, ai condimenti e all’eventuale presenza di pane.

hamburger in gravidanza

Leggi anche: Posso mangiare wurstel in gravidanza?

Cosa non mangiare in gravidanza?

Secondo i nutrizionisti, un pasto equilibrato per una donna incinta dovrebbe comprendere carboidrati complessi, proteine, fibre, grassi sani. Sono da evitare i prodotti con eccesso di grassi o sostanze deleterie alla propria salute. Mangiare in gravidanza, ad esempio, continuamente ad un fast food potrebbe essere deleterio. Le restrizioni, in genere, sono relative al tipo di preparazione dei prodotti: cibo cotto, ben lavato e di origine conosciuta.

I cibi sconsigliati in gravidanza sono quelli che potrebbero provocare delle reazioni allergiche nelle donne o delle infezioni nocive per il bambino.

  • Per evitare il rischio di infezioni come la toxoplasmosi, sono da evitare tutti i tipi di pesce crudo o carne cruda, in gravidanza.
  • Per quanto riguarda il pesce, inoltre, va evitato anche di grossa taglia, che potrebbe essere contaminato da mercurio, come, ad esempio il pesce spada.
  • Sono da evitare alcuni tipi di salumi in gravidanza, che non sono sottoposti a cottura e quindi potenzialmente dannosi.
  • La frutta va lavata e disinfettata prima di mangiarla.
  • La verdura deve essere lavata, disinfettata e, preferibilmente, cotta.

In generale, è opportuno avere una dieta in gravidanza che sia varia e completa, tenendo in considerazione i valori nutritivi provenienti dai diversi alimenti. Chiedete sempre al vostro ginecologo, che saprà fornirvi tutte le informazioni adeguate.

Cibi da evitare in gravidanza

Leggi anche: Quali rischi si corrono se si mangia carne di maiale in gravidanza?

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *