foto_bimbo_con_autismo

Bimbo di 8 anni si impicca dopo un rimprovero dei genitori

Tragedia a Brescia: genitori lo rimproverano, bimbo di 8 anni si impicca

Una vera e propria tragedia, quella consumatasi a Travagliato, paese in provincia di Brescia. Un bambino di otto anni è stato ritrovato impiccato ieri ed è morto dopo ore strazianti passate agli Spedali Civili di Brescia. Il piccolo, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe impiccato dopo essere stato rimproverato dai genitori.

La storia che ha sconvolto la Lombardia

Il bambino, giovedì all’ora di pranzo, si sarebbe chiuso nella propria cameretta, dopo essere stato rimproverato dai genitori. Dopo i vani tentativi di farsi aprire, i genitori hanno forzato ed aperto la porta, trovando il figlio senza sensi steso a terra.

Il piccolo si è suicidato in cameretta

Pare che il bambino di otto anni abbia deciso di uccidersi con una sciarpa fissata da un armadio. Immediata la corsa della famiglia, di origine pakistana, in ospedale: il bimbo è morto nella notte, le sue condizioni erano disperate già quando la mamma lo aveva ritrovato in cameretta.

foto_meningite_bimbo_bergamo

Indagine aperta e chiusa: nessun indagato

Sul caso, secondo quanto riporta Brescia Today, è stata immediatamente aperta un’indagine risoltasi in modo piuttosto veloce: per l’accaduto non ci sarebbero responsabilità né dei genitori o della famiglia del bambino, né di terzi.

La tragedia ha scosso tutta la piccola comunità lombarda, che durante le ore di agonia del piccolo si è stratta intorno alla mamma e al papà, pregando affinché tutto potesse risolversi per il meglio.

Il piccolo era stato rimproverato

Invece, il piccolo non ce l’ha fatta: troppo grande era la rabbia e lo sdegno per quel rimprovero subito dai genitori – ed in particolare dal padre – straziati ora dal dolore.

L’uomo, mentre il figlio stava tentando il suicidio, era appena uscito di casa per andare a lavoro in un Comune limitrofo. A scoprire il corpo inerte del bambino che, dopo il pranzo, sarebbe dovuto tornare a scuola sono state la madre e la sorella.

Tanti, troppi casi simili

Qualche anno fa, nel 2010, il comune di Travagliato fu colpito da una tragedia analoga. Un ragazzo di tredici anni si sparò con il fucile del padre; a Orzinuovi, tra anni dopo, sarebbe avvenuto un fatto dalla stessa dinamica.


Leggi anche: Dodicenne si suicida, soffriva per la separazione dei genitori


E poi ancora ad Isorella, sempre in provincia di Brescia, una ragazzina di 14 anni si è impiccata nell’armadio, con una sciarpa: proprio come ha deciso di fare il piccolo di otto anni, i cui funerali verranno celebrati tra qualche giorno.