foto_serena_williams

Serena Williams e la verità shock sul parto: “Ho rischiato di morire”

Serena Williams rivela i retroscena del parto

Il primo settembre scorso una delle sportive più forti di tutti i tempi, Serena Williams, è diventata mamma. La bella tennista – diventata la numero 1 al mondo nel 2002 – ha dato alla luce la prima figlia, Alexis Olympia. La Queen – come è stata ribattezzata dai fan – durante il documentario della sua vita, ha però rivelato dei pesanti retroscena riguardo la gravidanza ed il parto, al termine del quale ha rischiato anche di perdere la vita.

Serena Williams e la verità shock

A raccontare la verità dettagliata sul parto è stata la stessa tennista in un documentario a lei dedicato. La sportiva ricorda con grande gioia quello che è stato il giorno più bello della sua vita, non nascondendo però il timore vissuto quando è stata sottoposta ad un taglio cesareo d’emergenza.

Mama bear and baby cub #beingSerena @hbo

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

LEGGI ANCHE:
Pancia dopo parto cesareo: come eliminarla in modo sano
Parto cesareo rischi da conoscere
Parto cesareo: taglio, programmato e tutto quello che bisogna sapere

Nel documentario Being Serena, la statunitense ha ricordato come i medici siano stati costretti ad intervenire nel modo più rapido e repentino possibile dopo che la frequenza cardiaca della piccola femminuccia si era abbassata notevolmente nel bel mezzo delle contrazioni. La donna ricorda come sia successo tutto in un istante e, dal momento che non stava prendendo i suoi soliti anticoagulanti, Serena capì nell’immediato che stava per avere un’embolia polmonare.

Mother may I?

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

Ai sospetti della donna è poi seguita la TAC, che ha confermato quanto ipotizzato dalla tennista.

I medici pensavano fossi confusa dagli antidolorifici. Poi hanno trovato un grosso ematoma nell’addome, risultato di una emorragia provocata dai fluidificanti del sangue che mi avevano dato per evitare l’embolia. Per sei settimane sono rimasta immobilizzata a letto.

#beingSerena @hbo

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

Poi, il retroscena più doloroso e difficile: la William ha rivelato di aver rischiato la vita proprio dopo aver ricevuto quello che desiderava di più, un figlio. Come aveva già raccontato all’indomani del parto a Vogue America, la statunitense ha dovuto fare i conti prima con la ferita del cesareo che si era riaperta, poi ha dovuto passare le giornate in ospedale per evitare l’embolia polmonare. A tutto ciò è seguita una operazione per evitare la formazione di coaguli sanguigni nell’addome, nel quale è stato trovato un ampio ematoma.

Her first memorial last night @venuswilliams

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

Emozioni contrastanti

Ora la bella Serena si gode la vita da mamma, non nascondendo quanto, soprattutto all’inizio, le sue emozioni siano state piuttosto contrastanti ed altalenanti.

My baby is 6 months today. So yummy.

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

She wanted to dress 80's

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

Nessuno parla dei momenti di sconforto, di quando il bimbo piange e tu ti arrabbi e poi ti intristisci perché ti sei arrabbiata e poi in colpa per tutto questo. Ti chiedi: “Perché sono così triste adesso che ho una così bella bambina? Le emozioni sono folli

ha raccontato la tennista, che ha concluso:

Sento la pressione, ho l’ansia di diventare troppo severa, oppure non abbastanza. L’ansia di diventare una buona madre si trasforma spesso in paura. Proprio come nel tennis, non c’è modo di sfuggirle

Welcome home momma

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

Just how I look at her

A post shared by Serena Williams (@serenawilliams) on

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *