foto_incidente

Travolge e uccide una bimba di nove anni, ferisce la mamma. Poi confessa

Brescia, travolge e uccide una bambina: si costituisce

Dramma a Brescia, dove un pirata della strada ha travolto ed ucciso una bambina di nove anni, ferendo gravemente la madre al momento ricoverata. L’uomo, un quarantaquattrenne, dopo dodici ore dall’incidente ha deciso di costituirsi ed assumersi le piene responsabilità del sinistro mortale.

I fatti

Il conducente dell’auto, a bordo di una Chevrolet Orlando di colore grigio, da Bagnolo Mella si stava dirigendo verso Brescia. Arrivato in viale Italia, nel cuore del paese, è letteralmente piombato sulla donna, di origine marocchina, e sulla figlia di nove anni. Il tutto è avvenuto davanti agli occhi del papà della piccola, che camminava pochi passi indietro tenendo in braccio la figlia più piccola, stanca di stare nel passeggino.

Leggi anche: Ubriaco al volante fugge da un posto di blocco e investe bimbo di 17 mesi

foto_ambulanza

La donna non ha nemmeno avuto modo di mettersi al riparo insieme alla figlia e chiedere aiuto: troppo violento l’impatto dell’auto, che è poi fuggita a tutta velocità lasciando i corpi delle due a terra.

Per la piccola purtroppo non c’è stato nulla da fare. Trasportata di corsa in ospedale in condizioni disperate, il suo cuore ha smesso di battere non appena arrivata nella struttura. La mamma invece, le cui condizioni inizialmente sembravano gravissime, è attualmente ricoverata all’ospedale Civile di Brescia: come riporta il Corriere della Sera, le basterà solo qualche giorno di convalescenza per una ripresa fisica quasi totale.

Il pirata della strada ha confessato a dodici ore dall’incidente

Intanto, il pirata della strada ha confessato la sua responsabilità nell’incidente mortale in Procura, davanti al pm Maria Cristina Bonomo. Il papà della vittima, prima che il guidatore si costituisse, aveva lanciato un appello agli uomini dell’Arma affinché trovassero quanto prima il pirata.

Leggi anche: Trento, ciclista al cellulare investe tre bimbi e scappa

foto_auto_incidente

Nessuno mi restituirà più mia figlia, ma trovatelo

aveva fatto sapere.

La famiglia aveva partecipato ad una festa di compleanno al parco. Madre, padre e le due figlie stavano tornando a casa quando sono stati coinvolti nell’incidente: salgono così a 308 gli episodi di pirateria stradale nei primi cinque mesi del 2020, secondo i dati rilevati dall’Osservatorio Asaps.