ginseng in gravidanza

Gli effetti del ginseng in gravidanza

Ginseng e gravidanza

Il ginseng è una radice scoperta in Cina centinaia di anni fa e oggi estremamente diffusa. Molte mamme si chiedono se l’assunzione di ginseng durante la dolce attesa sia consentita o possa causare problemi.

In linea generale, si può assumere ginseng in gravidanza, ma occorre fare attenzione a non esagerare con le dosi ed evitarne l’assunzione nel primo trimestre.

Proprietà del ginseng in gravidanza

Al momento non ci sono controindicazioni riguardanti il consumo di ginseng in gravidanza, l’importante è sempre chiedere al medico e non esagerare nelle dosi. Nella medicina tradizionale cinese era addirittura consigliato per combattere gli stati influenzali durante la gestazione.

Il ginseng ha notevoli benefici, che possono essere:

  • è una grande fonte di energia;
  • è ricco di vitamine e polisaccaridi;
  • è una sostanza adattogena, ossia permette all’organismo di adattarsi allo stress;
  • aiuta a contrastare il diabete mellito;
  • potenzia la resistenza fisica;
  • riduce l’affaticamento mentale;
  • rinforza il sistema immunitario;
  • migliora le capacità di memoria;
  • migliora l’attività cerebrale e produce un’accelerazione della risposta nervosa;
  • è un afrodisiaco naturale.

Quindi, con moderazione, potete bere sia un gustoso caffè al ginseng in gravidanza sia una calda ed energizzante tisana al ginseng, in gravidanza utile a combattere la stanchezza.

ginseng in gravidanza

Leggi anche: Posso assumere la valeriana in gravidanza?

Gravidanza e ginseng: controindicazioni

Secondo una ricerca dell’Università di Hong Kong, le controindicazioni del ginseng in gravidanza potrebbero riguardare i difetti della crescita fetale. La ricerca non è stata, però, confermata. Ad ogni modo, si consiglia di evitare il consumo di ginseng durante il primo trimestre di gravidanza e di chiedere al ginecologo se e come assumerlo.

Inoltre, il ginseng ha effetti negativi in caso di:

  • tachicardia;
  • ipertensione (il legame fra ginseng e pressione alta è molto stretto);
  • palpitazioni;
  • insonnia;
  • mal di testa;
  • assunzione di farmaci anticoagulanti.

ginseng in gravidanza

Leggi anche: Posso bere la camomilla in gravidanza?

Quale caffè in gravidanza?

Esistono pareri discordanti riguardo il consumo di caffeina in gravidanza, secondo alcuni associata al rischio di aborto spontaneo o di riduzione del peso del bambino alla nascita.

Da uno studio dell’Università di Aarhus, però, è emerso che il consumo di caffè in gravidanza non compromette la salute del bambino o della mamma. Basta bere con moderazione e non superare le 2 tazzine al giorno.

Ma oltre il caffè normale, quali sono gli accorgimenti riguardanti i vari tipi di caffè in gravidanza?

  • È sconsigliato eccedere anche nel consumo di decaffeinato in gravidanza perché, nonostante il nome, contiene comunque una parte di caffeina.
  • Si può bere il caffè d’orzo in gravidanza perché non contiene sostanze eccitanti.

Ecco un video che mostra i benefici del ginseng e di altri rimedi naturali utili a combattere stress e stanchezza.

Leggi anche: Devo preferire il thè deteinato o un altro tipo di thè in gravidanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *