foto_pronto_soccorso

Lecco, papà difende il figlio dai bulli ma viene picchiato dalla gang

La storia

Ha veramente dell’incredibile quanto successo a Lecco, dove un uomo 53enne è stato picchiato da una gang di giovanissimi mentre cercava di difendere il figlio. L’uomo, stanco delle continue minacce e offese ricevute dal figlio da parte di un gruppo di bulli, ha deciso di affrontarli mettendo fine alla situazione. Nessuno si sarebbe mai un epilogo simile.

I fatti

Come riporta il Corriere della Sera, il tutto è successo tra Dolzago e Colle Brianza, paesi in provincia di Lecco. Il malcapitato cinquantatreenne aveva deciso di mettere un punto alla questione incontrandosi con il genitore di uno dei bulli. Eppure è finito all’ospedale Mandic di Merate con lo zigomo lesionato, due denti rotti, ed un taglio sotto gli occhi.

foto_bullismo

Leggi anche: Guendalina Tavassi e la figlia aggredite dai bulli a causa del lavoro in tv

L’agguato dei bulli

Mentre stava tornando a casa infatti, l’uomo si è accorto di essere inseguito da una quindicina di ventenni della zona di Dolzago, che lo hanno raggiunto e picchiato. Inutile la chiamata del figlio ai carabinieri, che tuttora stanno indagando sull’identità del gruppo che da mesi, stando ad alcune testimonianze, tormenterebbe parecchi giovanissimi della zona.

La testimonianza della famiglia

La famiglia dell’uomo ha ricevuto la solidarietà dei compaesani e del primo cittadino di Dolzago. La moglie dell’uomo, nonché mamma della giovane vittima di bullismo, ha raccontato che è da circa sei mesi che il figlio vive quest’incubo, ammettendo anche come

Quei ragazzi stanno rovinando la vita a molti giovani della zona.

foto_bullismo

L’uomo verrà operato

L’uomo, come riporta Il Giorno, nei prossimi giorni verrà sottoposto a un intervento molto delicato di ricostruzione plastica del volto e di riduzione della frattura al setto nasale. È stato lo stesso cinquantatreenne a raccontare tutto l’accaduto ai carabinieri e ai soccorritori:

Lo tormentano, lo insultano, lo prendono continuamente in giro, lo bullizzano anche su Facebook e sugli altri social. Mio figlio non ne può più, questa storia va avanti da parecchio, per lui è un incubo. È timido, io volevo solo aiutarlo, li ho cercati per parlare e chiedere di smetterla e lasciarlo in pace

foto_ospedale_sant_eugenio

Quello che doveva essere un confronto, dunque, si è rivelato un vero e proprio pestaggio. A destare scalpore è il fatto che, secondo l’uomo, a picchiarlo non ci fossero solo i ragazzi, ma anche i genitori degli stessi che avrebbero ideato così una spedizione punitiva.

Leggi anche: Come scoprire se tuo figlio è vittima dei bulli

Al momento nessuna denuncia

Al momento non sono ancora stati presi provvedimenti nei confronti dei ragazzi, anche se la famiglia ha annunciato che presto sporgerà denuncia nei confronti dei protagonisti del pestaggio.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *