neonato di colore

Nigeria, arrestata un’ostetrica che ha venduto un neonato

Ostetrica vende un neonato: arrestata

Si sentono troppo spesso casi di neonati venduti nei Paesi in via di sviluppo, tra i quali senza dubbio ha una posizione di rilievo la Nigeria. Nel Paese africano troppo spesso vengono venduti bambini, come fossero oggetti con un valore economico. In Nigeria vi è un vero e proprio traffico di vendite di neonati: per commerciare ancora meglio le povere vite umane vi sono addirittura “fabbriche di bambini”, luoghi in cui i piccoli nati da mamme single o frutto di violenze vengono venduti a caro prezzo. Nonostante il commercio di bambini sia illegale, in vari Paesi dell’Africa ma soprattutto in Nigeria il fenomeno non sembra finire. Pochi giorni fa è stata arrestata un’ostetrica che in un ospedale di Lagos, la città più popolosa del Paese, ha venduto un neonato.

Leggi anche: L’ostetrica scambia il battito della mamma con quello del neonato: il piccolo muore

Regina Ibeato è un’ostetrica di 50 anni che nei giorni scorsi, precisamente il 23 maggio, è stata arrestata dalla polizia nigeriana per aver venduto un bambino. La donna lavorava in un ospedale di Lagos, una delle città più importanti della Nigeria. La donna è stata accusata di aver sottratto e successivamente venduto un neonato di appena una settimana. Altre due persone sono indagate: sembra infatti che la Ibeato non abbia agito da sola e che queste due persone siano suoi complici. I due indagati sono due uomini: uno sarebbe un intermediario, l’altro l’acquirente del neonato.

nigeria

Leggi anche: Puericultrici ustionano un bambino durante il primo bagnetto

La donna davanti agli inquirenti ha confessato

Regina Ibeato, di fronte all’interrogatorio degli inquirenti, ha confessato di aver venduto il neonato. La donna si è però giustificata dicendo che il suo gesto ha un perché: la mamma del bambino, una 17enne, avrebbe chiesto all’ostetrica di vendere il neonato. Secondo quanto ha raccontato la Ibeato, la partoriente avrebbe voluto abbandonare il bambino perché frutto di un incesto dovuto alla violenza del padre. Il gesto sarebbe illegale anche se fosse stata la mamma del bambino a fare questa richiesta, ma comunque secondo gli inquirenti le cose sono andate diversamente.

Leggi anche: L’ostetrica dice alla mamma il sesso del figlio e lei si arrabbia

La polizia sostiene che la donna abbia costretto la ragazza 17enne a cedere il suo bambino. L’ostetrica avrebbe fatto così anche con altre mamme, seguendo sempre lo stesso modus operandi, ovvero quello di costringere le donne a cedere i propri bimbi. Gli inquirenti credono infatti che dietro al caso vi sia un vero e proprio traffico di neonati: per questo motivo le indagini stanno proseguendo in questo senso. La polizia ha intenzione di scoprire se vi sia una rete di vendita dei bambini.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *