bagnetto neonato

Bambino ustionato durante il primo bagnetto in ospedale dopo la nascita

Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona, bambino ustionato durante il primo bagnetto

Dopo la nascita il bambino viene affidato agli infermieri, che si occupano di fargli il bagnetto per ripulirlo da ogni residuo di vernice caseosa, rivestimento lubrificante e altre sostanze, per poi restituirlo alla mamma che può passare le prime ore di vita con suo figlio. Non è andata così per una donna che a Salerno, all’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona, ha dato la vita a suo figlio. Il bambino dopo essere venuto al mondo è stato affidato alle puericultrici che avrebbero dovuto fargli il bagnetto e affidarlo alle cure della mamma. Le infermiere hanno però utilizzato un’acqua troppo calda, tanto da ustionare il piccolo.

Il neonato è stato ustionato durante il primo bagnetto dalle infermiere dell’ospedale salernitano

Il bambino dopo essere venuto al mondo è stato immerso nell’acqua per il bagnetto. Le infermiere non avevano però controllato l’esatta temperatura dell’acqua, che era in realtà bollente. Appena immerso il piccolo si è bruciato, riportando delle gravi ustioni sul 50% del corpo.

Il piccolo è stato trasferito all’ospedale Cardarelli di Napoli, specializzato per casi del genere. Qui il bambino è stato immediatamente ricoverato. Pur non essendo in pericolo di vita, il neonato è sotto osservazione.

Leggi anche: Neonata annega in vasca durante il bagnetto: la colpa è della madre

La responsabile di reparto ha chiamato per consulenza il chirurgo pediatrico che, valutate le manifestazioni cutanee, ha ritenuto preferibile il trasferimento precauzionale presso la Tin dell’ospedale Cardarelli di Napoli al fine di garantire al piccolo la migliore assistenza possibile.

si legge in una nota dell’ospedale pubblicata il giorno successivo all’episodio.

bagnetto

Le condizioni del neonato sono stabili

Le condizioni del piccolo, secondo quanto riferito dalla responsabile della Tin dell’ospedale Cardarelli di Napoli, sono stabili: il bimbo attualmente è in culla termica, respira senza macchinari e si nutre da solo.

Bambino ustionato dopo la nascita: aperta un’indagine

La direzione sanitaria ha aperto un’indagine interna per comprendere cosa sia successo, individuare i responsabili e procedere con eventuali sanzioni.

L’ospedale salernitano ha anche chiesto immediatamente scusa alla famiglia, e lo ha fatto attraverso le dichiarazioni del Direttore Generale Giuseppe Longo.

Non si tratta di un atto formale ma di un atto sostanziale: sono eventi che non dovrebbero mai capitare. Purtroppo, invece, è capitato un errore umano il che significa che ci sono delle vere e proprie responsabilità. L’Azienda procederà in tempi molto rapidi ad individuare gli eventuali responsabili ed attivare la commissione disciplinare.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *