vongole in allattamento

Vongole in allattamento: si possono mangiare?

Vongole in allattamento

Negli ultimi anni la questione alimentazione e allattamento si è ammorbidita, anche se riguardo ai frutti di mare la situazione è ancora dibattuta. Già in gravidanza esistono delle restrizioni particolari di abitudini o alimenti che potrebbero comprometterne l’evoluzione; per l’allattamento valgono ancora poche regole d’oro, alcune delle quali coinvolgono anche il pesce.

Vediamo insieme se e come mangiare le vongole in allattamento.

Vongole e allattamento

Non esiste un’alimentazione per allattamento di tipo standardizzato; il trucco sta nel consumare tutto in modo equilibrato, specie perché il sapore del latte tende verso l’alimento per cui si eccede. La moderazione e l’esercizio fisico favoriscono una maggiore produzione di latte estremamente sostanzioso. Mangiare poco e spesso aiuta anche la mamma a mantenere la sua forma fisica e a migliorare il processo di calibrazione del latte che si adatta alle necessità del bimbo che cresce.

Per quanto riguarda il consumo di vongole in allattamento, è opportuno che esse non siano crude, perché potrebbero essere un possibile veicolo di trasmissione di batteri, così come tutti i frutti di mare in allattamento, se mangiati crudi.

Si possono, quindi, mangiare vongole cotte durante l’allattamento, purché non si esageri con le dosi.

Quindi sì a un bel piatto di spaghetti con le vongole in allattamento, perché, in quel caso, esse vengono cotte.

vongole in allattamento

Leggi anche: Vongole in gravidanza

Cosa mangiare in allattamento?

Tutte le donne che allattano si preoccupano che il latte sia ricco di nutrienti che facilitino la crescita del proprio piccolo. Per fare si che la dieta in allattamento sia efficace, è opportuno che essa sia varia ed equilibrata; intanto, è fondamentale bere molto, poiché il latte si forma per il 90% da acqua.

Sono cibi da inserire per una corretta alimentazione in allattamento:

  • i cereali, da cui si ricavano sali minerali e vitamine;
  • le verdure: il loro consumo è incoraggiato, insieme alla frutta fresca e ai legumi;
  • latte e derivati sono consigliati una volta al giorno, per regolarizzare le quantità di calcio circolanti;
  • da preferire il pesce fresco, la carne, le uova a tutti gli alimenti eccessivamente grassi, zuccherati o fritti;
  • è possibile mangiare salumi, possibilmente privati del grasso visibile.

Le mamme che allattano devono informarsi sugli alimenti da evitare in allattamento, per prevenire le coliche del neonato o l’insorgenza di allergie, derivate dall’eccessivo consumo di un solo alimento.

Tra i cibi da evitare in allattamento troviamo:

  • i formaggi fermentati, alimenti eccessivamente pieni di conservanti e la selvaggina;
  • diverso è il problema dei molluschi in allattamento, così come i frutti di mare in allattamento, che aumentano le probabilità di contrarre la salmonellosi;
  • le fragole e le pesche sono alimenti potenzialmente allergizzanti;
  • le sostanze alcoliche, super alcoliche e il caffè.

vongole in allattamento

Leggi anche: Cozze in allattamento

Ostetrica, appassionata di ricerca clinica e scientifica. Sognatrice convinta, viaggio più del tempo che ho a disposizione e leggo libri nei rari momenti liberi che mi ritaglio. Scrivo e parlo tanto (troppo!) perché credo nell'enorme potere che ha l'informazione, e soprattutto nella forza che ogni donna ha nel mettere al mondo il proprio bambino. Email: c.lumia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *