prosciutto crudo in gravidanza

I rischi del prosciutto crudo in gravidanza

Prosciutto crudo e gravidanza

La dieta delle donne incinte comprende alcuni alimenti considerati pericolosi perché potrebbero causare infezioni alimentari, come la toxoplasmosi.

Proprio per questo motivo è vietato mangiare il prosciutto crudo in gravidanza. 

Capiamone i rischi.

Il prosciutto crudo in gravidanza: sì o no?

Le future mamme non possono mangiare il prosciutto crudo in gravidanza a causa dello stretto legame fra il prosciutto crudo e la toxoplasmosi, in gravidanza molto pericolosa.

Come tutti i salumi, la carne e, in generale, tutti i cibi crudi in gravidanza, il prosciutto crudo potrebbe esser stato contaminato dal microrganismo noto come Toxoplasma Gondii, portatore della toxoplasmosi.

L’unico modo in cui si potrebbe mangiare sarebbe cucinare il prosciutto crudo cotto in padella, in gravidanza consentito. Questo perché la cottura elimina tutti gli eventuali agenti patogeni presenti e lo rende un alimento sicuro per la futura mamma.

Si può, invece, consumare il prosciutto crudo in allattamento, evitando, però, di esagerare con le dosi perché si tratta di un alimento grasso.

prosciutto crudo in gravidanza

Leggi anche: Prosciutto cotto in gravidanza: sì o no?

Come evitare la toxoplasmosi in gravidanza?

Il Toxoplasma Gondii, il microrganismo responsabile della toxoplasmosi, può essere trasmesso tramite ingestione diretta di alimenti contaminati, o tramite il contatto con le feci di gatto o animali infetti.

I sintomi della toxoplasmosi in gravidanza o in qualsiasi altro periodo della vita sono molto simili a quelli di una comune influenza:

  • mal di testa;
  • febbre;
  • stanchezza;
  • nausea;
  • disturbi intestinali.

Il problema è nelle conseguenze che, in altri periodi non provocherebbero nulla ma, in gravidanza, potrebbero causare anche l’aborto spontaneo

Perciò, è di fondamentale importanza eseguire, all’inizio della gravidanza, il toxo-test, un esame per scoprire se si è immuni alla toxoplasmosi oppure no. Spesso, infatti, può capitare di averla già avuta e di non essersene accorte, proprio a causa dei suoi comunissimi sintomi. In quel caso, si può vivere la gravidanza con più tranquillità.

Se, invece, non si è immuni, occorre fare attenzione evitando molti cibi, quali:

  • salumi in gravidanza, se non cotti, così come tutti gli affettati in gravidanza;
  • carne cruda;
  • frutta e verdura coltivata in terra, se non disinfettata.

Ecco un video che mostra cosa evitare e cosa mangiare in gravidanza per la salute del feto.

Leggi anche: Perché non posso mangiare la bresaola in gravidanza?

Sono un'ostetrica e svolgo con passione e dedizione il mio lavoro, orgogliosa, testarda e determinata in tutto quello che faccio. In virtù di questo continuo a studiare e specializzarmi per aumentare la mia preparazione, svolgo attività di volontariato e conduco corsi di accompagnamento alla nascita. Inoltre, adoro comunicare e mettere a disposizione delle donne le mie conoscenze e competenze!! :) Email: j.gugliotta@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *