funghi in gravidanza

Quali rischi corro se mangio funghi in gravidanza?

Funghi e gravidanza

La gravidanza è sicuramente un momento particolare per tutte le donne. Proprio per questo motivo, le donne incinte devono prestare particolare attenzione soprattutto alla corretta alimentazione in gravidanza.

Ci sono, infatti, cibi vietati in gravidanza e altri dei quali andrebbe ridotta la quantità.

Un discorso particolare merita l’argomento funghi in gravidanza.

Scopriamone di più.

In gravidanza si possono mangiare i funghi?

I funghi sono un alimento dal sapore molto particolare, e dai numerosi benefici. Inoltre le calorie dei funghi, e i valori nutrizionali, li rendono estremamente salutari. Essi, infatti:

  • hanno pochissime calorie (20 in 100 grammi);
  • sono ricchi di minerali quali potassio e fosforo;
  • rinforzano il sistema immunitario;
  • contengono vitamina D, utile per il metabolismo osseo, oltre che vitamine A, B, C, e PP;
  • contengono fibre, utili soprattutto in caso di stitichezza in gravidanza.

Così come i benefici, però, nei funghi, le controindicazioni sono altrettanto numerose, perché i funghi:

  • sono difficili da digerire, a causa della chitina, la sostanza che ne costituisce la membrana;
  • possono causare avvelenamenti e intossicazioni anche molto gravi;
  • i funghi fanno male al fegato e, secondo gli esperti, andrebbero evitati da coloro che soffrono di disturbi gastrointestinali o al fegato, dato il loro alto livello di tossicità.

Ma, quindi, i funghi fanno male? In realtà i funghi sono potenzialmente tossici. Come le spugne, infatti, assorbono tutte le impurità e ogni tipo di contaminazione dell’ambiente circostante.

Francesca Assisi, tossicologa del Centro antiveleni dell’Ospedale Niguarda di Milano sostiene:

Sono comunque difficili da digerire e se per caso fossero velenosi (può succedere) potrebbero rappresentare un serio problema per il feto.

Ad ogni modo, se non avete voglia di rinunciare a questo alimento durante le 40 settimane di gestazione, sappiate che mangiare i funghi in gravidanza è possibile, purché ne sia accertata la loro commestibilità e la loro freschezza.

funghi in gravidanza

Leggi anche: Stitichezza in gravidanza: cause, sintomi e rimedi

Come mangiare i funghi in gravidanza?

Le donne in gravidanza sono sottoposte a dei regimi dietetici particolari al fine di preservare la propria salute e quella del bambino.

Quindi, nel caso di alimenti particolari, come potrebbero essere i funghi, occorre fare molta attenzione. Mangiare funghi fa male se non si seguono delle particolari cautele.

  • Non si devono mai mangiare funghi spontanei, raccolti nei boschi e dei quali non si abbia alcuna certezza. Preferire sempre quelli certificati e acquistati nei supermercati.
  • In caso di dubbio, è consigliabile rivolgersi a un esperto di funghi, che li riconosca e li classifichi.
  • Per quanto riguarda i funghi secchi in gravidanza, sembra ci sia il via libera da parte degli esperti per questi tipi di funghi che sono facilmente reperibili nei supermercati (fare attenzione alla data di scadenza per evitare di mangiare funghi secchi scaduti). Discorso a parte per i funghi secchi raccolti nei boschi o nei prati di cui non si hanno notizie certe. Questi ultimi tipi di funghi fanno male e sono vietati in gravidanza.
  • Ci sono, poi, molti dubbi riguardanti i funghi surgelati in gravidanza. Ad ogni modo, è preferibile che i funghi in questo caso vengano passati in acqua bollente e poi consumati entro 6 mesi. Ovviamente dovranno essere cotti e bisogna controllare che siano in buono stato di conservazione.
  • Evitare i funghi sott’olio in gravidanza perché, come tutti i sottoli e i sottaceti in gravidanza, potrebbero comportare il rischio di botulino.
  • In gravidanza non si possono mangiare i funghi crudi, che fanno male perché potrebbero essere veicoli di infezioni pericolose per la mamma e il bambino. Preferire sempre i funghi cotti in gravidanza. Occorre cuocerli sempre in acqua bollente per almeno 5 minuti.
  • Nonostante la cottura e la certezza che non siano velenosi, occorre sempre evitare di non superare la dose di 200 grammi a settimana di funghi in gravidanza.

funghi in gravidanza

Leggi anche: Pizza in gravidanza: quale mangiare?

Funghi porcini in gravidanza: si possono mangiare?

I funghi più conosciuti e più amati sono sicuramente i funghi porcini, appartenenti alla famiglia delle Boletaceae e al Genere Boletus.

Sono contraddistinti da un grande cappello marrone che può arrivare a misurare 35 cm di diametro per 3 Kg di peso e uno stelo bianco o giallastro che può raggiungere i 25 cm di lunghezza e i 10 cm di larghezza. Hanno, inoltre, dei tubuli che liberano le spore attraverso dei pori.

Secondo le linee guida del Ministero della Salute, sono assolutamente da evitare i funghi porcini in gravidanza. Il Centro Antiveleni di Milano e l’Istituto Zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, hanno lanciato un allarme. Le future mamme e i bambini dovrebbero rinunciare ai funghi porcini, soprattutto se mangiati crudi per evitare un avvelenamento.

Il problema dei porcini in gravidanza è rappresentato dal fatto che essi siano molto difficili da riconoscere, in quanto simili ad alcune tipologie velenose.

Quindi, se non si è sicuri al 100% della loro sicurezza, è preferibile eliminarli dalla propria dieta in gravidanza.

I sintomi di un’eventuale intossicazione da funghi velenosi potrebbero essere:

  • diarrea;
  • mal di stomaco;
  • vomito;
  • convulsioni;
  • crampi muscolari;
  • sonnolenza;
  • anemia;
  • danni irreversibili al fegato;
  • morte, se non si interviene in tempo.

In gravidanza, inoltre, un avvelenamento dovuto ai funghi potrebbe comportare un aborto spontaneo.

funghi porcini in gravidanza

Leggi anche: Carciofi in gravidanza: perché fanno bene?

E i funghi champignon in gravidanza?

Molto apprezzati sono i funghi champignon, che sono coltivati e disponibili in ogni periodo dell’anno.

Sono caratterizzati da un cappello largo fino a 12 cm e un gambo tozzo e cilindrico, entrambi di colore bianco.

Il problema è che andrebbero mangiati crudi perché con la cottura perdono il proprio sapore. Perciò, occorre evitare il consumo di funghi champignon in gravidanza. 

Stessa cosa vale per gli ovuli, che sono molto apprezzati e spesso mangiati crudi con insalata. Quindi no al consumo di funghi ovuli in gravidanza.

Le stesse attenzioni riguardanti i funghi in gravidanza devono essere riservate anche ai funghi in allattamento, che potrebbero scatenare intossicazioni e allergie nel bambino. Ed è opportuno chiedere al pediatra prima di dare funghi ai bambini dopo lo svezzamento.

Ecco un video che mostra i rischi delle intossicazioni da funghi.

Leggi anche: Tartufo in gravidanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *