Foto Winnie The Pooh Palloncino

Fiabe per bambini: origini, filastrocche e canzoni di Winnie the Pooh

Winnie the Pooh: le origini della favola per bambini

L’orsetto Disney della favola Winnie the Pooh, campione d’incassi, è ispirato al romanzo Winnie the Pooh, scritto da Alan Alexander Milne nel lontano 1926.
Milne era il padre di Christofer Robin, il protagonista umano delle storie di Winnie the Pooh. Egli si divertiva a raccontare delle favole per bambini al figlio, ispirandosi a un suo orsetto di pezza, Winnie appunto.
Quando decise di trascrivere e pubblicare le avventure di Winnie the Pooh il successo fu immediato. Nel 1961, la Disney ne acquistò i diritti e creò diversi cortometraggi e lungometraggi dedicati alla favola per bambini di Winnie the Pooh (anche noto come Winnie Puh), nonché una serie animata.
Ecco, dunque la storia dell’orsetto, una filastrocca, video e canzoni per bambini ispirate a Winnie the Pooh.

Storie per bambini da leggere: Winnie the Pooh

Come Milne, i genitori che amano leggere ai propri figli le storie della buonanotte, possono ispirarsi ai loro peluche.
Per chi ha poca fantasia, però, le avventure di Winnie Pooh, fra le varie storie per bambini, riscontrano un successo assicurato.
Ecco allora la fiaba dell’orsetto Winnie, da raccontare ai bambini.

Ci sono tanti vasi vuoti, fuori dalla casa di Winnie the Pooh. Erano pieni di buon miele, ma l’orsetto goloso l’ha mangiato tutto… Pooh ha trovato altro miele, però è in alto, su un albero.
Così va dai suoi amici: lo aiuteranno a farsi venire un’idea per prenderlo. Ed ecco l’idea: “Volerò sull’albero del miele!” dice Pooh a Christopher Robin. Basta appendersi a un palloncino… e salire su, in alto!
Pooh si sporca di fango per sembrare una nuvola e non farsi scoprire dalle api. Ma il trucco non funziona e le api subito inseguono l’orsetto. Per sua fortuna il palloncino si sgonfia portandolo lontano lontano!
Dopo questa avventura, Winnie ha ancora più fame. Ecco perché va alla casa di Tappo, il coniglio: forse l’amico gli offrirà la colazione.
Tappo invece vorrebbe mettere al sicuro il suo miele. Infatti, Pooh di solito glielo finisce tutto! Ma l’orsetto ormai è entrato e Tappo deve rassegnarsi: Winnie inizia a mangiare. E mangia, mangia, mangia ancora.
Che mangiata! A Winnie ora si è gonfiato il pancino, tanto che resta incastrato nell’ingresso. Per liberarlo Christopher Robin, Cangu e Ih-Oh provano a tirare tutti insieme. Gli amici provano e riprovano a tirar fuori Pooh, ma l’orsetto non si muove.
Finché Tappo perde la pazienza: prende una lunga rincorsa e dà una testata fortissima a Pooh…
…una testata così forte che l’orsetto schizza fuori dalla casa e vola in alto! Dove finirà? Oh, sta per infilarsi nel tronco di un albero cavo… e, guarda guarda, anche lì trova del miele! Ce n’è davvero tanto. Che dolcissima sorpresa per l’orsetto goloso!
Tempo dopo, sul bosco cade la neve e a Tigro viene una gran voglia di giocare tra i fiocchi. Così si carica sulle spalle Ro e saltella via, felice. “Siate prudenti!” li avverte mamma Cangu da lontano. Ma Tigro ne combina una delle sue: balza sulla cima di un albero tanto alto che poi ha paura di scendere.
Come si diverte Ro, invece, appeso alla coda dell’amico! Per chiedere aiuto Tigro inizia a gridare. Winnie e Pimpi lì vicino prima si spaventano: chi urla così? Poi, vedono i due amici lassù… In fretta, tutti corrono ad aiutarli: stendendo la giacca di Christopher Robin, la usano per far atterrare sul morbido il piccolo Ro. E poco dopo anche Tigro scende dall’albero, sano e salvo. È così felice di essere di nuovo al sicuro che… abbraccia la neve!
E adesso che la paura è passata, si può far festa con un girotondo!

Foto winnie the pooh miele

Leggi anche: Fiabe per bambini: il gobbo di Notre Dame

Filastrocche per bambini: le avventure di Winnie the Pooh

Simpatica, semplice e in rima. Ecco una bellissima filastrocca per bambini, ispirata all’orsetto Winnie the Pooh, facilmente memorizzabile anche dai più piccini.
La filastrocca che segue racconta la storia per bambini di Winnie the Pooh e dei suoi amici, alle prese con il maltempo.
Un modo alternativo per far divertire i bambini, rispetto al solito cartone animato.

Winnie the Pooh è birichino
va a spasso con l’ombrellino.
Nel bosco ha piovuto a catinelle
e Winnie the Pooh e i suoi amici
ne fanno delle belle!
Ha indossato i guanti
per divertirsi con tutti quanti!
Ma ai pulcini la pioggia non piace
e a Winnie the Pooh tanto dispiace!
“Dai coraggio che in un baleno
arriverà il sole a ciel sereno!
Che ne dite di un balletto
in un giardino tutto di fiori
e un bel giretto
sopra un aquilone dai mille colori?”

Foto winnie the pooh e i suoi amici

Leggi anche: La spada nella roccia: origini, filastrocca e video sulla storia per bambini

Winnie the Pooh: canzoni per bambini

Ecco alcuni brani, presi da YouTube, tratti dal cartone Disney Le avventure di Winnie the Pooh.
In particolare, le canzoni per bambini selezionate sono:
La canzone del bosco dei 100 Acri, sigla iniziale del cartone, La ginnastica del mattino, Efelanti e noddole, Sono una nuvola nera, dove Winnie cerca di rubare il miele da un albero fingendosi una nuvola, per non destare sospetti nelle api, e Il grande giorno.

Leggi anche: Al lupo al lupo: storia, morale e video della favola di Esopo

Video per bambini: i migliori di Winnie the Pooh

Di seguito due video, presi da YouTube, con scene di cartoni di Winnie the Pooh.
Il primo video per bambini è tratto dal film Disney Winnie the Pooh e gli Efelanti ed è una scena emozionante dove Ro spiega a tutti che in realtà gli “Efelanti” sono delle creature buone e simili a Winnie e i suoi amici.
Il secondo video è tratto da Le nuove avventure nel bosco dei 100 acri, è la scena della storia per bambini in cui Winnie trova il biglietto lasciato da Christopher Robin e va da Uffa e i suoi amici per decifrarlo.

Leggi anche: Cip e Cop: storia da raccontare, filastrocca e curiosità sugli scoiattoli Disney

Un professore una volta mi disse "non lavorare per vivere ma vivi per lavorare!". Dopo essermi laureata in Comunicazione aver conseguito un Master in Editoria, mi sono ritrovata a lavorare in un altro settore (HR). Nel 2018 ho avuto una bimba e, dopo la maternità, ho lasciato il lavoro da dipendente per dedicarmi alle mie passioni...e alla mia bimba. Ho quindi aperto una Partita Iva e ora collaboro con blog, testate giornalistiche e case editrici in qualità di Editor e Redattrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *