foto_coronavirus_bambini

Coronavirus, l’effetto dell’isolamento sui bambini: insonnia, ansia e sbalzi d’umore

Coronavirus, Italia bloccata: tutti in isolamento

Nazione bloccata, attività e scuole chiuse, un intero popolo in quarantena: questo è il ritratto attuale dell’Italia, messa in ginocchio dall’emergenza legata al coronavirus. L’isolamento forzato, però, non per tutti è rosea: parliamo delle donne che continuano a subire abusi tra le mura domestiche, ma anche dei bambini. Già, perché sono proprio i più piccoli quelli che starebbero soffrendo di più il fatto di passare tutto il giorno chiusi in casa. Quali sono i rischi di una quarantena che potrebbe protrarsi ancora a lungo? Vediamoli insieme.

La storia di Giuliana

A condurre l’interessante analisi è Open, il quotidiano online che ha intervistato diverse mamme d’Italia, alle prese con le faccende domestiche, la spesa, i figli e le preoccupazioni dovute all’emergenza COVID-19.

foto_bambino_mascherina

Leggi anche: Coronavirus, scrive al papà in quarantena: la commovente lettera di una bimba

Una delle tante protagoniste è ad esempio Giuliana, madre di un bambino di cinque anni e mezzo e una bambina di due, abituati a passare giornate intere a giocare nella natura, ma che ora non possono più farlo. Lei, insieme ai figli, è tornata lo scorso 20 gennaio nella sua casa di Verona dopo un lungo periodo in Nuova Zelanda, dove è rimasto suo marito.

A volte i miei figli mi chiedono se possono uscire in cortile a giocare con gli altri bambini, ma con noi vive anche la nonna e io non me la sento di mettere in pericolo la sua salute

racconta.

Coronavirus e isolamento forzato, parla la psicologa

A Open parla anche Irene Onnis, una psicologa clinica infantile e psicoterapeuta. Tante sono le chiamate che riceve, dall’inizio dell’emergenza, da parte di mamme e papà preoccupati di non saper gestire i loro figli in casa.

I bambini chiusi in casa rischiano di assorbire le ansie e le preoccupazioni dei genitori. Arrivare a casa con una spesa enorme dà ancora più ansia. Così come aumenta la preoccupazione nel sentire continuamente il Tg parlare del coronavirus

spiega l’esperta.

aiuti per coronavirus

Leggi anche: Coronavirus: come distinguere il COVID-19 dall’allergia primaverile

Le ansie e le angosce dei genitori, dunque, si riversano anche sui figli. D’altronde, ne è testimone la stessa Giuliana, che ha infatti ammesso:

I primi giorni sono stati difficilissimi, io non ero nell’idea mentale di rimanere a casa e anche il bambino mi chiedeva di poter uscire, vedere gli amici. Poi, insieme, abbiamo trovato il modo di affrontare le giornate più serenamente

Il rischio di de-socializzazione c’è: ecco come rimediare

Inoltre, secondo la psicoterapeuta, vi è anche il rischio che i più piccoli possano interiorizzare questo periodo di de-socializzazione, perdendo così l’abitudine nel creare rapporti e nel socializzare. In questo caso, a dispetto di quanto si dica, la tecnologia può essere un buon amico. Secondo la Onnis infatti

Usare videochiamate o messaggi può aiutare a mantenere i contatti con gli amici

Non solo: stando a quanto raccomandato dall’esperta, bisogna trovare delle attività da fare insieme ai figli, per quanto possa essere difficile. Sport, lavoretti, cucinare: secondo la dottoressa, la quarantena può essere un’occasione nuova ed inaspettata per scoprire cose che risulterebbero difficili da fare nella vita ordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *