foto_basilico

Basilico in gravidanza: si può usare?

Basilico in gravidanza

Nella cucina italiana il basilico è una delle piante erbacee più utilizzate. Con il pesto infatti si può condire la pasta al pomodoro, si può fare la fresca e buonissima caprese o fare uno dei condimenti più amati, il pesto. In gravidanza non si può mangiare di tutto. Ci sono alimenti da evitare in gravidanza perché possono far molto male al feto. Il basilico è una di queste. Questa erba per essere consumata ha bisogno di alcune cautele.

Alimentazione in gravidanza

Il basilico è un’erba che cresce a poca distanza dalla terra e può quindi conservarne i residui. Questo costituisce un pericolo perché potrebbe portare la toxoplasmosi se non lavato come si deve. Per consumarlo si deve quindi avere la certezza di averlo lavato davvero bene, meglio se con l’Amuchina per avere la sicurezza di non lasciare neppure un residuo di terra.

basilico in gravidanza

Cosa non mangiare in gravidanza

Toxoplasmosi, cosa non mangiare: anche altri cibi in gravidanza hanno il problema del basilico, ovvero possono portare la toxoplasmosi. Per scongiurare il pericolo della toxoplasmosi i cibi vietati in gravidanza sono verdura cruda, perché potrebbe essere contaminata e carne non cotta bene o cruda. La verdura, così come la frutta, va lavata molto bene con amuchina. Per seguire un’alimentazione corretta in gravidanza è meglio non mangiare verdura cruda, come l’insalata. Anche la carne deve essere mangiata ben cotta. Quindi cosa non si deve mangiare in gravidanza che solitamente fa parte della nostra dieta? Salame, prosciutto crudo e insalata in primis.

La gravidanza

Toxoplasmosi e gravidanza: ma cosa è la toxoplasmosi e come può dare problemi in gravidanza? La toxoplasmosi è una malattia parassitaria molto pericolosa in gravidanza. Mentre se viene contratta durante un periodo qualsiasi della vita non è nociva, anzi, spesso neppure si ce ne rende conto, in gravidanza è altamente pericolosa. La toxoplasmosi può portare ad aborto spontaneo, parto prematuro e nei casi più gravi danni al bambini alla nascita, come febbre, ittero, anemia, epatosplenomegalia, corioretinite, problemi neurologici, spasticità, idrocefalo, encefalite e calcificazioni endocraniche, ritardo mentale, spasticità e problemi alla vista. La donna contrae la toxoplasmosi che può essere pericolosa per il bambino mangiando alcuni alimenti in gravidanza.

alimentazione in gravidanza

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *