foto sesso bambino

Determinare il sesso del nascituro: ecco i 4 falsi miti più diffusi

Maschio o femmina: si può davvero decidere?

Fin dai tempi antichi si sono diffuse moltissime credenze e miti riguardo al sesso del nascituro. Se si riflette bene, una volta non esisteva nessun metodo che potesse accertare, in corso di gravidanza, se si aspettava una femmina oppure un maschio. Alcuni di questi miti, in realtà senza un’evidente base scientifica, sono ancora ben diffusi al giorno d’oggi. Inutile dire che qualche volta le nonne, o la mamma stessa, ancora riescono a indovinare il sesso del nascituro. Vediamo insieme  quali sono i 4 falsi miti sul sesso del nascituro e le curiosità regionali.

Il calendario cinese

Il calendario cinese è uno degli strumenti, utilizzato ancora moltissimo (spesso per gioco), per determinare il sesso del nascituro. Si tratta in realtà di una tabella in cui è necessario incrociare l’età della mamma al momento del concepimento con il mese in cui è avvenuto il rapporto. In questo modo, la tabella svelerà fin da subito se il bambino in arrivo sarà un maschietto oppure una femminuccia. Questo calendario cinese ha un’origine molto antica e si presume che si arrivi a determinare, con una percentuale molto elevata (fino al 93%), il sesso del nascituro. Oltre a ciò, esistono dei periodi dell’anno che, se incrociati con la giusta età della madre, danno più possibilità di concepire una femmina. Lo stesso discorso vale anche per chi desidera avere un figlio maschio. Tuttavia, questo metodo è ritenuto oggi un falso mito perchè non è mai stata confermata un’evidenza scientifica a riguardo. In ogni caso, può diventare un passatempo e un gioco molto divertente che fanno le coppie in attesa dell’ecografia vera e propria che svelerà con esattezza il sesso.

foto sesso nascituro

Leggi anche: Dolce attesa: tutto sulle donne in gravidanza

Il calendario lunare

Anche in questo caso, il calendario lunare è un metodo che utilizzavano tantissimo gli avi per qualsiasi questione, non solamente la gravidanza, ma anche per sapere il momento più adatto per coltivare la terra, tagliare l’erba, i capelli e tanto altro. In questo caso bisogna osservare attentamente le varie fasi lunari. La credenza vuole che quando la luna si trova in fase crescente o nel plenilunio al momento del concepimento, arriverà una femmina. Discorso contrario per il maschio che verrà concepito quando la luna è calante oppure nuova. Anche in questo caso però si tratta molto spesso di detti tramandati a voce nel corso degli anni e non di veri e propri dati di fatto.

foto falso mito

Leggi anche: Gravidanza e parto più difficili se il nascituro è maschio

Il pancione

Guardare il pancione della futura mamma sembra essere stata una credenza molto in voga nel passato tanto che al momento attuale fatica a morire. In realtà si comprende bene come questo sia un falso mito perchè l’avere un pancione a punta o rotondo non dipende certamente dal sesso del nascituro.
La leggenda vuole che le mamme in attesa di maschietti abbiano una pancia a punta mentre chi porta in grembo una femminuccia si trova con la pancia rotonda. Tuttavia, chi, quando era in dolce attesa, non ha sentito almeno una volta fare pronostici sul sesso del bambino tenendo in considerazione la forma del pancione?

foto falso mito nascituro

Leggi anche: Le voglie in gravidanza dipendono dal sesso del bambino

La pelle della mamma

La pelle della mamma come indicatore sul sesso del bebè? Falso mito. Eppure, non appena alla mamma in gravidanza compaiono dei brufoletti sulla faccia, o la pelle risulta grassa e unta, le signore più convinte iniziano subito a dire con certezza che si aspetta sicuramente una femmina. Le mamme dei maschietti invece, dovrebbero avere una cute secca e poco idratata. Ovviamente è palese che sono tutti false credenze.

foto sesso nascituro falso mito

Leggi anche: Pelle secca in gravidanza: i rimedi da provare

I falsi miti regionali

Quelli elencati in precedenza, sono le credenze riguardo al sesso del nascituro più diffuse in tutta Italia. Nonostante ciò, ogni regione conserva ancora dei falsi miti riguardo alla gravidanza e al momento particolare dell’attesa.
Per esempio a Bari si racconta che si devono buttare nell’acqua bollente un cavatello e un’orecchietta. Se sale prima quest’ultima allora si aspetta una bambina.
Invece a Napoli si guarda come cade una donna. Se inciampando cade in ginocchio allora si aspetta un maschio, se invece cade seduta, una femmina.
A Cervia, chi desidera avere un maschio deve mettere nel letto delle buste di sale marino del luogo.
Invece, in diverse regioni d’Italia, è molto in voga il gioco del cucchiaio e della forchetta. Questi vanno nascosti sotto due sedie diverse senza che la donna in attesa ne sia a conoscenza. Se la donna si siede sulla sedia in cui c’è il cucchiaio aspetta una femmina, al contrario sarà un maschio.

foto maschio femmina

Leggi anche: Liquido amniotico: tra verità e detti popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *