scuola materna venafro

Isernia, picchiavano e insultavano i bambini: due maestre sospese (VIDEO)

Isernia, minacce e maltrattamenti ai bambini

Ancora storie di maltrattamenti ai danni di bambini, questa volta in provincia di Isernia. I piccoli erano maltrattati dalle maestre della scuola dell’infanzia che li punivano con strattonamenti, minacce e urla continue. Spesso ai piccoli venivano dati libri in testa quando facevano i capricci. Le maestre accusate sono due e sono destinate ad una misura di sospensione dall’attività lavorativa. A disporla è stata l’autorità giudiziaria dopo un’inchiesta portata avanti dalla polizia di Isernia e coordinata dalla locale Procura della Repubblica. Le due donne hanno 49 e 58 anni ed entrambe insegnavano nella scuola dell’infanzia della città molisana di Venafro. Le indagini sono state portate avanti grazie ad intercettazioni audio e video attraverso telecamere nascoste piazzate nell’istituto.

bambini picchiati asilo

Leggi anche: Puglia, nel centro degli orrori bambini disabili torturati dalle educatrici

La Polizia ha ottenuto le prove grazie alle intercettazioni audio e video

Gli inquirenti sono riusciti a risalire alle due maestre proprio dai filmanti registrati. Il quadro che è emerso dalle immagini è davvero sconvolgente: i piccoli venivano picchiati e insultati dalle due. Nei video si vedono infatti le insegnanti che colpiscono i bambini, li prendono a schiaffi, li picchiano con i libri. Inoltre ai bambini veniva insegnato a picchiare i compagnetti. Infatti le maestre spiegavano loro che se un bambino dava loro una spinta, tirava i capelli o cose simili, loro dovevano rispondere allo stesso modo. Questi comportamenti violenti creavano un clima di paura in classe. La situazione è stata definita “allarmante” dal Questore di Isernia, Roberto Pellicone.

Leggi anche: 5 maestre picchiavano i bambini dell’asilo: denunciate

Le mamme avano notato alcuni comportamenti strani nei figli

Le mamme dei bambini maltrattati avevano notato che qualcosa non andava nei loro figli. Così, armate di coraggio, le donne si sono rivolte alla Polizia nel mese di novembre. Come hanno spiegato gli inquirenti, “I loro figli di 2 e 3 anni tornando a casa avevano comportamenti anomali e lamentavano atti di violenza a scuola”. Da qui è partita l’indagine che si è servita delle telecamere piazzate in classe per le intercettazioni video e audio. Le immagini, che sono state mostrate in Questura, hanno rivelato “ben 150 episodi di violenza ripetuti. Sono rimaste attive per 20 giorni per verificare che fossero episodi di maltrattamento reiterati”, come hanno spiegato gli inquirenti.

bambino maltrattato

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *