foto_gravidanza_pesce_crudo

Pesce crudo in allattamento: rischi e controindicazioni

Pesce crudo in allattamento

Allattamento e alimentazione devono andare di pari passo. Quando una mamma allatta deve sapere che trasferisce cibo al proprio figlio, per cui è bene che la sua alimentazione sia ricca di nutrienti.
Cosa mangiare quando si allatta è facile da capire: frutta, verdura, carne, pesce, formaggi. I cibi da evitare in allattamento, allo stesso modo, sono piuttosto intuibili: no a insaccati, a snack calorici, a fritto, a cibo spazzatura. Vediamo se il pesce crudo in allattamento può essere mangiato oppure no.

Cibi da evitare in allattamento

I cibi da evitare in allattamento comprendono anche l’alcol, la caffeina, che viene secreta dalle ghiandole mammarie arrivando nel latte materno e causando così iperattività e difficoltà di riposo. Cosa non mangiare in allattamento? Rischiosi, perché veicolo di batteri o potenzialmente allergenici, sono la selvaggina, la cacciagione, le carni conservate, gli insaccati, i molluschi, crostacei in allattamento, la polpa di granchio, pesche, fragole e sushi in allattamento.

pesce crudo in allattamento

Alimentazione in allattamento

Ma perché è cosi importante l’alimentazione in allattamento? L’alimentazione in allattamento è estremamente importante per garantire la giusta produzione di latte, e, allo stesso tempo, per mantenere in salute la donna. L’allattamento è infatti un periodo in cui la donna è necessario che segua una buona alimentazione, bilanciata e corrispondente al proprio fabbisogno quotidiano.

Alimentazione allattamento

Durante l’allattamento, il fabbisogno calorico aumenta, più che in gravidanza. La mamma che allatta, dunque, deve aumentare l’apporto di 6-700 calorie al giorno, poiché l’allattamento esclusivo al seno comporta un dispendio calorico notevole. Per questo l’alimentazione allattamento è cosi importante.

Dieta allattamento

I fabbisogni supplementari in energia della nutrice dipendono dalla quantità di latte prodotto. Tenendo conto di tutti i fattori che incidono, il costo energetico aggiuntivo dell’allattamento è valutato fra le 450 e le 560 calorie al giorno, fino al sesto mese. Le indicazioni per eventuali aumenti calorici devono tuttavia essere adattati alle necessità individuali.

Cibi da evitare in allattamento

Se siete amanti del pesce crudo, sappiate che questo rientra tra i cibi da evitare in allattamento. Bisogna infatti fare molta attenzione al pesce ad alto contenuto di mercurio ma soprattutto al pesce crudo in allattamento, che è preferibile non mangiare, perché è pressoché impossibile sapere l’origine e i metodi di conservazione, i metodi di pulizia e di preparazione.

cibi da evitare in allattamento

Cosa mangiare in allattamento

Bisogna sfatare il mito del “mangiare per due”, sia in gravidanza che in allattamento; è vero, i fabbisogni in questo periodo sono aumentati, ma solo leggermente. La Società Italiana di Nutrizione Umana indica un incremento del fabbisogno di circa 330 Kcal/die, la maggior parte delle quali deve essere fornita dalle proteine.

Nella pratica, questo apporto calorico può essere ottenuto. Come? Bevendo al mattino un bicchiere di latte parzialmente scremato o un vasetto di yogurt, pane integrale, una porzione di frutta (prediligendo quella ricca di vitamina C) ed aumentando un po’ la porzione di secondo piatto oppure introducendo un condimento a base proteica per la pasta. Ecco cosa mangiare in allattamento. E poi frutta, verdura, e pesce e carni rigorosamente cotte!

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *