spinaci in allattamento

Spinaci in allattamento: si possono mangiare?

Spinaci in allattamento

L’allattamento è un periodo da tenere sotto osservazione, allo stesso modo della gravidanza, dal punto di vista alimentare. È necessario mangiare in modo sano e regolare perché quello di cui la mamma si nutre è ciò che il figlio, attraverso il latte, beve.

Cosa mangiare in allattamento, allora? Cosa deve evitare una mamma che allatta?

Vediamo se gli spinaci in allattamento possono essere mangiati.

Spinaci e allattamento: sì o no?

Mangiare spinaci in allattamento è consentito perché gli spinaci hanno molti benefici.

Negli spinaci, i valori nutrizionali sono:

  • 90% di acqua;
  • 2% di fibre;
  • 3,5 %di proteine;
  • 3% di carboidrati;
  • 0,6% di grassi;
  • 558 mg di potassio;
  • 49 mg di fosforo;
  • 99 mg di calcio;
  • 2,9 mg di ferro;
  • 79 mg di magnesio;
  • 79 mg di sodio.

Inoltre, le calorie degli spinaci sono soltanto 31 in 100 grammi.

I benefici degli spinaci sono:

  • combattono i radicali liberi, grazie al loro potere antiossidante;
  • garantiscono la salute degli occhi;
  • riducono lo stress ossidativo;
  • aiutano a prevenire il cancro;
  • riducono la pressione sanguigna;
  • depurano l’organismo;
  • migliorano la salute di capelli e pelle;
  • rinforzano le difese immunitarie;
  • migliorano il funzionamento cerebrale;
  • riducono gli sbalzi ormonali;
  • migliorano l’umore.

spinaci in allattamento

Leggi anche: Spinaci in gravidanza: benefici e proprietà

Alimentazione in allattamento: cosa mangiare?

Per l’allattamento, la Società Italiana di Nutrizione Umana indica un incremento del fabbisogno di circa 330 Kcal al giorno, la maggior parte delle quali deve essere fornita dalle proteine; è leggermente aumentato anche il fabbisogno di vitamina C.

Alcuni cibi non sono da evitare del tutto quando si allatta. Sarebbe, infatti, consigliato seguire una dieta in allattamento il più possibile variegata ed equilibrata. In questo modo, si forniscono al piccolo tutti i valori nutrizionali necessari, abituandolo a digerire e allenando il suo apparato digerente.

Ma quali sono i cibi da evitare in allattamento?

  • Anche se non ci sono sufficienti studi che lo dimostrino in modo inequivocabile, si ritiene che ci siano dei collegamenti tra le coliche dei neonati e i cibi da evitare. È bene, quindi, evitare o moderare le fritture, gli insaccati, e anche legumi e frutta secca, soprattutto se il bambino già soffre di coliche gassose.
  • È utile mangiare soltanto legumi in allattamento, che siano decorticati, perché più leggeri e digeribili.
  • Ci sono poi altri alimenti che potrebbero modificare troppo il sapore del latte, rendendolo sgradevole al piccolo. Tra questi:
    • le verdure da evitare in allattamento, quali:
    • l’aglio e la cipolla crudi in allattamento.

Sono, invece, oltre gli spinaci, verdure consigliate in allattamento:

  • le verdure a foglie larghe, come:
    • la scarola;
    • la cappuccina;
    • l’invidia;
    • la lattuga.

Ecco un video che chiarisce i dubbi riguardanti la corretta alimentazione in allattamento.

Leggi anche: Verdure in allattamento

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *