foto_allattamento_bimbo_biondo

Perchè i neonati sudano durante l’allattamento

Appena nasce, il bambino deve affrontare diversi cambiamenti. Lasciando la pancia della mamma inizia a respirare con i polmoni, passa da un ambiente liquido ad uno dove vi è la gravità e cambia anche il modo di nutrirsi. È vero che l’allattamento è un gesto istintivo sia per la mamma che per il suo bimbo, ma non così naturale come potrebbe sembrare. Il neonato, guidato dalla madre, deve imparare ad attaccarsi bene al seno e a succhiare il latte. Questo vale anche per l’allattamento artificiale, dove la posizione con cui viene tenuto per mangiare e la scelta della tettarella per il biberon, possono facilitare l’avvio delle poppate.

Soprattutto nei primi mesi di vita, i genitori osservano che, proprio durante le poppate, il bambino suda molto, soprattutto nella zona della testa e del collo, diventando anche caldo. Questo avviene perché il neonato per mangiare si impegna così tanto che, spesso, si addormenta per la stanchezza. Succhiare il latte è l’attività più faticosa per il piccolino appena nato, in quanto si attivano tutti quei muscoli preposti alla suzione, oltre all’apparato digerente e da ciò si ha la sudorazione nella parte del corpo interessata. Questa può aumentare anche per la voracità con cui il bambino mangia.

Con il passare del tempo mamma e bambino acquisiranno dimestichezza anche con l’allattamento, il figlio diventa più grandicello ed anche più esperto, i muscoli ed il relativo apparato più maturo e allenato a tale funzione e la suzione diventerà un’attività meno faticosa da praticare, con riduzione notevole della sudorazione.

Per aiutare il bambino, i genitori possono accertarsi di non allattarlo in una stanza umida, optando per un ambiente fresco, senza correnti d’aria. Altra indicazione è quella di non coprire troppo il bambino, scegliere vestiti adeguati alla stagione, tessuti con materiale traspirante. Nella stagione estiva, per il momento del pasto, i genitori possono scegliere di lasciare il bimbo solo con il pannolino e avvolgerlo in un lenzuolo di cotone così il caldo, la fatica ed il calore del corpo della mamma non aumentino la sua sudorazione. Infine è importante sciacquare la testa, i capelli e le pieghe del collo del bimbo per evitare che il sudore possa irritare la pelle.

La sudorazione non è, quindi, un sintomo di patologia, ma una peculiarità dell’allattamento che interessa soprattutto i primi mesi di vita del bambino. Periodo, questo, in cui il suo organismo deve abituarsi al nuovo mondo che lo circonda. La serenità con cui i genitori si prendono cura di lui, senza allarmismi e comportamenti ansiosi permetterà al bambino di abituarsi e fare proprie, con i suoi tempi, tutte quelle attività di cui necessita per sopravvivere, per crescere e per raggiungere quella autonomia necessaria per diventare adulto.

Mi occupo di genitorialità, prevalentemente, dall'accompagnamento alla nascita fino alla prima infanzia, in qualità di Counselor Professionista, Insegnante di massaggio Infantile e Prenatal Tutor , crescendo, insieme a tante mamme, grazie al prezioso sostegno dei miei bambini Email: t.runco@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *