allattamento al seno

Società Italiana di Neonatologia: il latte materno è l’alimento perfetto, almeno fino ai 6 mesi

Molte volte si assiste al dibattito tra chi è favorevole all’allattamento al seno e chi no.

Certo, spesso, può capitare, che le mamme siano impossibilitate a causa di determinate patologie, e quindi si procede con il latte artificiale.

Ma quando, invece, le mamme non hanno alcuna controindicazione, è fondamentale che esse allattino al seno.

Secondo la Società Italiana di Neonatologia, infatti, il latte materno è l’alimento perfetto per il neonato e deve essere alimento esclusivo almeno fino ai 6 mesi di vita.

Allattamento al seno: quali benefici?

Fabio Mosca, presidente della SIN, durante l’ultimo congresso della Società, ha parlato dei benefici dell’allattamento al seno.
Esso, infatti:
  • permette alla neo mamma di recuperare il peso forma il prima possibile dopo il parto;
  • riduce, nella donna, il rischio di cancro alla mammella e alle ovaie;
  • contribuisce a creare un legame solido tra mamma e figlio;
  • se rispetta la giusta temperatura e le corrette condizioni igieniche, è perfetto per soddisfare i bisogni della crescita del bambino perché il latte inizialmente è acquoso, poi assume proteine e zuccheri e poi acquista grassi, quindi varia e offre un’alimentazione completa;
  • aiuta a colonizzare i germi “buoni”;
  • permette di tenere sotto controllo la temperatura del bambino;
  • calma il pianto.

In che modo favorire l’allattamento?

La SIN riconosce, inoltre, l’importanza di offrire un corretto sostegno alla mamma che allatta. Ma in che modo?

Innanzitutto, è fondamentale che le mamme stiano a contatto 24 ore su 24 con i figli fin dai primi momenti. In caso di parti prematuri, non ci dovrebbero essere limitazioni riguardanti l’orario di apertura delle TIN (Terapie Intensive Neonatali).

Il bambino deve instaurare un rapporto con la mamma e lei deve capire fin dall’inizio se ci sono difficoltà durante l’allattamento, in modo da poter chiedere aiuto tempestivamente.

Il personale sanitario, dal proprio canto, deve visitare il bambino anche 4 volte al giorno, per verificare che tutto proceda regolarmente.

Dubbi sul “bonus latte artificiale”

La SIN ha espresso, inoltre, perplessità riguardanti il bonus di 400€ per le madri impossibilitate ad allattare che acquistino sostituti del latte materno. Tale bonus è incluso nella nuova legge di Bilancio prevista dal governo Conte-Bis.

I neonatologi ritengono che, se non accompagnata anche da un sostegno all’allattamento naturale, questa manovra possa risultare controproducente e invogliare sempre più mamme a ricorrere al latte artificiale.

È giusto, infatti, secondo la SIN, aiutare quelle donne che, per motivi medici accertati, non possano allattare, ma non rischiare di incoraggiare le donne indecise tra l’allattamento al seno e quello artificiale a scegliere il secondo.

I neonatologi si dichiarano a favore della proposta di raddoppiare da 2 a 4 le ore di permesso per le donne che lavorano e allattano. Essi ritengono, inoltre, che si debbano introdurre sempre più provvedimenti volti al sostegno dell’allattamento al seno come, ad esempio, il prolungamento del congedo di maternità fino ai 6 mesi di vita del bambino.

Amo, scrivere, leggere e comunicare e ho sempre pensato che fosse giusto studiare tanto per fare delle proprie passioni un lavoro. Per questo, mi sono laureata in Editoria, e ora lavoro nel campo del giornalismo e della comunicazione. Sono una giornalista pubblicista iscritta all’Ordine e mi occupo di copywriting, editing e mansioni redazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *