foto_igiene_neonato

Dieci consigli sull’igiene del neonato

Un neonato al suo arrivo, necessita di molte cure ed attenzioni soprattutto per quanto riguarda l’igiene. Il suo organismo è in via di costituzione e non è dunque ancora pronto a difendersi da minacce che possono arrivare dall’ambiente circostante. Per questo abbiamo elencato 10 utili consigli sull’igiene del neonato che salvaguardano il suo benessere.

L’igiene del piccolo arrivato è importantissima sin dalla nascita e richiede un’attenzione particolare che a volte può sembrare eccessiva ma in realtà è bene che sia tale per evitare di esporre il bambino a rischi che mettono in ballo la sua salute. Abbiamo elencato almeno 10 consigli riguardanti l’igiene del neonato che devono essere assolutamente osservati sin dalle sue prime ore di vita. Ecco quali sono:

  1. lavarsi sempre bene le mani quando si ha contatto con il neonato. Ongi cosa che tocchiamo è veicolo di trasmissione di germi e batteri che possiamo trasferire al bambino ancora indifeso;
  2. il moncone del cordone ombelicale cadrà entro pochi giorni dopo la nascita. Nel frattempo, occorre tenerlo pulito e soprattutto asciutto, dunque dobbiamo disinfettarlo con una soluzione specifica e coprirlo con una garza sterile, fermandolo con la classica retina bianca di garza elastica;
  3. non fumare in presenza di un bambino. Questo dovrebbe valere anche in caso di vicinanza tra persone adulte, dato che è risaputo ormai di quanto il fumo passivo sia un pericolo per la salute di grandi e piccoli;
  4. se siamo raffreddati, evitiamo di stare troppo vicino al piccolo. Questo punto riguarda anche le persone che vengono a fare visita al bambino, che dovrebbero astenersi se le loro condizioni di salute non sono ottime. Oltretutto è buona norma evitare anche visite di gruppo o comunque la presenza di un numero di persone esiguo vicino al bambino almeno fino a quando non vengono fatti i primi vaccini;
  5. tagliare le unghie al neonato consente non soltanto una buona igiene visto che il piccolo si porta spesso le mani alla bocca, ma anche di evitare che si graffi il viso;
  6. evitiamo di utilizzare profumi e lozioni che potrebbero dare fastidio al neonato sia in termini di odorato che di irritazione qualora si utilizzassero per la sua igiene prodotti di questo genere;
  7. areare giornalmente le stanze della casa in cui il piccolo si trova (vedi anche: Come deve essere la cameretta del neonato) facendo entrare la luce del sole e mantenere una volta chiuse le finestre una temperatura corretta, costante ed adeguata al periodo stagionale;
  8. durante il cambio del pannolino (vedi anche:Cambio del pannolino: perché è importante che il papà impari a farlo) bisogna scrupolosamente fare attenzione ad eventuali piccoli residui di popò che possono irritare il sederino e minacciare la pulizia delle zone più delicate del neonato ed evolvere persino in dermatiti o infezioni;
  9. non è necessario fare frequentemente il bagnetto al neonato nei suoi primissimi giorni di vita, ma è possibile mantenerlo pulito senza fargli il bagnetto ;
  10. lavare gli indumenti del neonato con prodotti specifici in grado di eliminare non solo lo sporco ma anche la presenza di germi. Evitare l’ammorbidente che resta anche dopo il risciacquo sugli indumenti che andrebbero poi a contatto con la delicata pelle del neonato;
igiene neonato igiene neonato igiene neonato igiene neonato
<
>