baccalà in gravidanza

Baccalà in gravidanza: si può mangiare?

Baccalà in gravidanza

Conoscete il baccalà? Sapete che si tratta di merluzzo nordico salato e stagionato?

Di sicuro, però non sapete se si può mangiare baccalà in gravidanza, vero? Allora scopriamolo insieme.

Merluzzo o baccalà in gravidanza: sì o no?

Il baccalà è un pesce bianco con carne soda dal sapore piuttosto deciso. Di solito, per il suo gusto caratteristico, o lo si ama o lo si detesta. Eppure il baccalà ha molte proprietà nutritive benefiche. Le sue carni vengono spesso valorizzate da un’antica tradizione gastronomica, ma hanno una grande versatilità in cucina e si prestano anche a ricette più moderne. Il baccalà ha alcune caratteristiche nutritive che lo rendono un alimento sano, con pochi grassi ma ricco di proteine, vitamine e sali minerali. Si tratta, perciò, di pesce che si può mangiare in gravidanza, soprattutto in caso di baccalà sotto sale.

Il baccalà ha proprietà notevoli.

  • Il contenuto proteico del baccalà è superiore rispetto a quello della carne. In 100 grammi di pesce sono presenti infatti 39 grammi di proteine, rispetto ai 20 grammi della carne.
  • Ha un’elevata quantità di un aminoacido essenziale come la lisina, che favorisce la formazione di anticorpi, ormoni ed enzimi ed è fondamentale per la fissazione del calcio nelle ossa. Questo aminoacido influisce, inoltre, sul corretto sviluppo immunologico e sulle capacità neuropsichiche. Da ciò si comprende come il baccalà sia un pesce molto importante durante la gravidanza per la salute della mamma e anche per una crescita ottimale del feto.
  • Per il suo basso contenuto di grassi, il baccalà è ritenuto un pesce magro.
  • È composto per il 90.6 % da proteine e per il 9.4 % da grassi. Ha un alto contenuto di calcio e fosforo ed è ricco di omega 3-6-9.
  • Le calorie di 100 grammi di baccalà sono circa 103, rispetto alle 83 calorie dello stesso quantitativo di merluzzo. Quindi, in ogni caso, non si tratta di un alimento esagerato nell’apporto calorico.

baccalà in gravidanza

Leggi anche: Il polpo in gravidanza: un pericolo per le future mamme?

Mangiare pesce in gravidanza: baccalà e valori nutrizionali

Tra i diversi tipi di pesce consigliato in gravidanza, il baccalà è uno dei migliori. Il baccalà è ricco di fosforo che, con il calcio, è un elemento di struttura delle ossa, dei denti e delle cellule.

Contiene inoltre alti livelli di magnesio, fonte energetica fondamentale per gli impulsi muscolari e nervosi e utile per contrastare i crampi anche durante la gravidanza.

Oltre a questi, i benefici del baccalà sono:

  • Regola i livelli di colesterolo nel sangue. Per il suo basso livello di sodio e l’alto contenuto di iodio, è consigliato per chi soffre di pressione alta.
  • Previene le malattie cardiovascolari.
  • Protegge le cellule dall’invecchiamento e dalla degenerazione dei radicali liberi.
  • Contribuisce alla riduzione del rischio di cancro, ictus, morbo di Alzheimer, artrite e altre malattie degenerative.
  • Riesce a migliorare la risposta dei neurotrasmettitori delle cellule cerebrali.
  • Accresce il livello di energia e la capacità di concentrazione.
  • Sembra agire positivamente sulla funzione insulinica nei soggetti in soprappeso.
  • Aiuta a contrastare la ritenzione idrica.
  • È ricco di vitamina A, fondamentale per la vista e lo sviluppo embrionale, regola infatti la crescita e la differenziazione dei tessuti.
  • Protegge pelle, capelli, mucose.

baccalà in gravidanza

Leggi anche: Salmone affumicato in gravidanza

Quale pesce mangiare in gravidanza?

Nella lista dei pesci in gravidanza consigliati rientrano sicuramente tutti i pesci azzurri. Sono pesci dei mari italiani, con colore dal blu scuro, al verde argenteo, sono ricchi in omega3 e di grassi insaturi. Inoltre hanno un prezzo contenuto rispetto la loro qualità.

Durante la dolce attesa, potete, quindi, mangiare:

  • il branzino in gravidanza;
  • l’orata in gravidanza;
  • la sogliola in gravidanza;
  • le alici in gravidanza;
  • il merluzzo in gravidanza;

Sono, invece, pesci da evitare in gravidanza:

  • il pesce spada in gravidanza;
  • lo sgombro in gravidanza;
  • il tonno in gravidanza;
  • il pesce crudo in gravidanza.

baccalà in gravidanza

Leggi anche: Pesce in gravidanza: si può mangiare?

Sono un'antropologa culturale amante del buon cibo e della lettura. Mi occupo di comunicazione sia per il web che per la carta stampata. Sono mamma di due meravigliosi monelli dai quali ogni giorno imparo qualcosa di nuovo e lo racconto su Passione Mamma! Email: v.lodestro@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *