foto_ospedale

Mamma in ospedale con figlio che non respira, i medici: “Aspetta il turno” e il bambino rischia di morire

Il figlio non respira, in ospedale le rispondono: “Aspetta il turno”

É scioccata ed indignata una giovane mamma alla quale in ospedale, mentre il figlio non respirava, le è stato detto di sedersi e di “aspettare il turno“. La protagonista della triste vicenda si chiama Daveanah Cowie, che sulle pagine del Telegraph ha criticato il Derby Royal Hospital definendo il personale “irresponsabile“.

La storia

Daveanah ha detto che ha il segretario della reception ha ignorato completamente la sua richiesta di aiuto. Fortunatamente la donna ha fermato un medico che passava il quale ha rianimato il figlio in crisi respiratoria. L’esperto ha poi confessato che il figlio “poteva essere morto” se non avesse agito rapidamente per salvarlo.

Invitata a sedersi ed aspettare il turno

Tommy-Lee – questo il nome del piccolo – è stato colpito da una bronchite ed è stato ricoverato in ospedale insieme al fratello gemello Arlow-Jack, che è nelle stesse condizioni. La signora Cowie si definisce “indignata” dalla “mancanza di conoscenza” del personale della struttura.

Il piccolo non riusciva a respirare

La mamma ha raccontato di aver portato il figlio in ospedale perché era malato. Poi “ho notato che non riusciva a respirare“. A quel punto la donna si è precipitata verso le porte della reception in preda al panico, chiedendo aiuto immediato. Ma invece di cercare un dottore, il segretario avuto la sola preoccupazione di prendere i dati della donna, prima di invitarla a sedersi e ad aspettare il suo turno.

Ancora incredula

Non potevo crederci. Il mio bambino non respira e mi è stato detto di aspettare“, ha raccontato ancora incredula. La mamma continua il resoconto della vicenda confessando di aver ignorato l’invito dell’addetto alla reception e di essersi precipitata per i corridoi dell’ospedale dove ha trovato un dottore che ha rianimato il figlio.

Il piccolo poteva morire

Ha avuto momenti in cui ha smesso di respirare dopo. É stato per questo prima ventilato e poi trasferito al Queen’s Medical Center di Nottingham“, ha aggiunto. La donna non riesce ancora credere che in un ospedale che dovrebbe offrire soccorso immediato possa esserci di così irresponsabile.

La mamma ha raccontato la vicenda al suo medico di fiducia, che però non si è scomposto più di tanto, anzi. Ha in qualche modo giustificato il comportamento del receptionista, al quale probabilmente servirebbe “solo più formazione”.

Parla il portavoce della struttura

Ora il bimbo si sta lentamente riprendendo, mentre dall’ospedale fanno sapere: “La nostra priorità principale è sempre la cura sicura dei bambini e grazie alla competenza del nostro team di emergenza altamente qualificato, il bambino in questo caso ha ricevuto cure adeguate“. La mamma continua però a pretendere almeno le scuse dalla struttura.

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *