Denise Pipitone storia

Denise Pipitone, oggi è il compleanno: il messaggio dei genitori

Denise Pipitone compie 17 anni: lo straziante messaggio dei genitori

Era il 1 settembre del 2004 quando la piccola Denise Pipitone, mentre giocava sul marciapiede di casa, all’angolo tra le vie Castagnola e La Bruna, a Mazara del Vallo, è sparita. Immediata la disperazione dei genitori, a cui è seguito un lungo lavoro di ricerca della piccola di cui si sono perse quasi completamente le tracce. Nel giorno in cui avrebbe compiuto diciassette anni, arriva la straziante dedica della mamma e del papà della bambina, oggi adolescente.

Gli auguri a Denise a Mattino Cinque

Denise, ovunque tu sia auguri per il tuo diciassettesimo compleanno. Denise, tesoro di mamma, ti abbiamo cercata e fortemente voluta… poi il 26 ottobre del 2000, come un raggio di sole, sei venuta al mondo, accolta con molta gioia e tanta felicita’. Sei sempre nei nostri pensieri e nei nostri cuori. Con amore mamma Piera e papà Piero“.

Denise: tredici anni di agonia e speranza

Queste le parole dei genitori di Denise, che da quel maledetto giorno non hanno mai smesso di cercare, e sperare, nel ritrovamento della figlia. Oggi, a distanza di ben 13 anni, ancora non si conosce il colpevole di quello che è stato definito come uno dei casi di cronaca più misteriosi ed irrisolti.

Assolta l’unica indagata, Jessica

Ad aprile scorso la Cassazione ha definitivamente assolto dall’accusa di concorso in sequestro di minorenne l’unica persona indagata, Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise. La ragazza, che nel 2004 era ancora minorenne, era stata processata in quanto indiziata.

Le indagini sono state riaperte

Nel corso di questi anni, varie sono state le segnalazioni, poi smentite, di ragazze avvistate e somiglianti a Denise. La Procura di Marsala, intanto, ha deciso di riaprire le indagini disponendo ai Ris di Messina di sottoporre con nuove tecniche all’esame del DNA tutte le impronte rilevate in diversi luoghi che possono essere utili alle indagini.


Leggi anche: Denise Pipitone ancora viva, l’ultima segnalazione


La rabbia di Piera Maggio

Piera Maggio, la mamma della piccola, spera nella svolta, pur non credendo più nella giustizia italiana. “La verità processuale è diversa da quella reale ed è giusto che io non condivida la verità dei giudici. Quello di mia figlia è un fallimento della giustizia italiana. Mi devono la verità“, ha detto stamane ospite a Mattino Cinque.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *