foto_feto

Gravidanza, Baby-pod: come fare ascoltare la musica al feto

Ormai è un dato di fatto: far ascoltare la musica al proprio bambino in utero è uno strumento per metterlo sempre di più in contatto con il mondo esterno, iniziando a fargli apprezzare qualsiasi genere musicale, anche perché in utero il bimbo percepisce diversi suoni. Da Mozart ai Queen, da Giuseppe Verdi a Tiziano Ferro: qualsiasi genere potrebbe essere più o meno “accolto” da chi sta in utero. Ma sappiamo tutti che esiste un nuovissimo ed innovativo dispositivo “Baby-pod”, il cui nome richiama il comune “i-pod”? Di cosa si tratta?

Semplice, il Baby-pod consiste in un dispositivo che permetterà di far sentire la musica al bebè in modo più efficace rispetto alla semplice cuffia messa sulla pancia.

Questo marchingegno deve essere inserito in vagina: l’inserimento è indolore e poco fastidioso perché si tratta di un dispositivo in plastica e silicone e, soprattutto, consente alle mamme di poter trasmettere ai feti la musica presente sul proprio iPhone.

Si arriva ad una intensità del suono corrispondente a quella di un semplice bisbiglio (corrispondente a 54 decibel) ed esso si collega al jack delle cuffie su uno smartphone, e contemporaneamente le mamme possono sintonizzarsi sulla stessa musica del proprio bambino.

Secondo i ricercatori che hanno introdotto questo strumento, esiste una grande differenza tra la riproduzione di musica attraverso la vagina e tramite l’addome, perché la vagina è uno spazio limitato e il suono non viene disperso, bensì amplificato, anche perché c’è meno tessuto molle.

Addirittura è stato visto che i feti di 16 settimane stimolati dal suono prodotto dal baby-pod, muovono bocche e lingua (addirittura ritmicamente in base al tipo di musica) in risposta al suono che percepiscono. Incredibile, vero?

Non dimentichiamo, però due importanti regole: il Baby-pod può essere usato dalla 16° settimana di gravidanza in poi e non più di 10-20 minuti. Insomma, un bel modo di far crescere i gusti musicali dei propri piccoli senza, però, esagerare.

foto_babypod_rosafoto_baby_podmusica per il pancione
<
>

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *