foto_crosta lattea

Crosta lattea: i rimedi naturali per curarla

Francesco non ne ha sofferto in maniera particolare. Adesso che ha quasi quattro anni di tanto in tanto tra i capelli spunta ancora qualcuna di quelle crosticine tipiche dei neonati che mamme e nonne chiamano tradizionalmente crosta lattea (sapete che c’è qualche mito da sfatare a proposito?), tuttavia non è stato mai necessario un intervento mirato per risolvere il problema. Eppure è uno dei disturbi più frequenti che colpiscono il neonato, specie nei primi tre mesi di vita. Vediamo, quindi, quali sono i rimedi naturali più adatti per combattere la dermatite seborroica neonatale o infantile.

Sicuramente è da usare il burro di karitè che viene assorbito facilmente dalla delicatissima pelle del neonato senza lasciare residui untuosi. Inoltre il burro di karitè non ostruisce i pori e serve anche a prevenire lo sviluppo della forfora.

Basta strofinarne un pochino sulla zona interessata, solitamente la testa, e lasciarlo agire per una ventina di minuti. A questo punto armiamoci del famoso pettinino a denti morbidi che cattura la forfora e laviamo il capino con uno shampoo adatto.

La vaselina è un altro rimedio naturale contro la crosta lattea, tra l’altro anche conveniente. Si consiglia di applicarla prima della nanna notturna e di lasciarla agire fino al mattino: in questo modo i pezzi di forfora si saranno ammorbiditi, pronti per essere facilmente staccati dal pettinino.

Poi c’è l’olio di cocco, uno dei rimedi più efficaci. Anche in questo caso va applicato sulla zona interessata dalla forfora e rimossa con il solito pettinino. Questa sostanza renderà in un attimo la crosta lattea facile da staccare dal cuoio capelluto che subito dopo dev’essere lavato con uno shampoo delicato.

Poi ci sono altri due oli consigliati. L’olio minerale , che va tenuto per un paio d’ore e poi rimosso senza pettinare, e l’olio di oliva che dovrà agire un quarto d’ora.

Si tratta di interventi non invasivi, che non hanno alcuna conseguenza pericolosa per il nostro neonato e che, se applicati con la giusta costanza, contribuiscono a risolvere in breve tempo il problema. E senza spendere troppi soldi in farmacia.

Giornalista per caso e mamma per scelta, da oltre dieci anni mi diletto con la scrittura collaborando con quotidiani della provincia di Latina, emittenti tv e siti web. Poi, nel 2012, lo 'scoop' della mia vita, mio figlio Francesco, oramai la mia principale fonte d'ispirazione. Email: r.recchia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *