Ancona, bimbo cade nel pozzo del frantoio e muore

Ancona, bimbo cade nel pozzo del frantoio e muore

Tragedia in provincia di Ancona. Un bambino di 5 anni è infatti morto dopo essere caduto in un pozzo che raccoglie gli scarti di lavorazione di un frantoio industriale. É successo nella serata di domenica a Corinaldo. Nelle campagne del paesino di cinque mila anime, la famiglia si era recata per la spremitura delle olive dopo la raccolta, tipica del periodo.

Il bambino aveva solo cinque anni

Florin Petru Strambu, cinque anni si sarebbe trovato in compagnia del papà e della zia quando, avvicinatosi nella cavità, ci è caduto inesorabilmente dentro. A nulla sono valsi i tentativi da parte dei parenti di farlo uscire, così come inutile è stata la disperata corsa nell’ospedale più vicino, quello di Senigallia. Il piccolo non ce l’ha fatta.

Inutile la corsa in ospedale

Secondo quanto riporta Il Messaggero, il bambino è caduto nel pozzo dal quale era stato rimosso il chiusino, facendo così un volo di 5 metri. Le urla ed i pianti del piccolo hanno dato speranza ai genitori, ma quando è stato estratto dai vigili del fuoco, il bimbo era in arresto cardiaco, arrivando morto all’ospedale.

I soccorsi

Sul posto, aggiunge il Resto del Carlino, sarebbe stato attuato un tentativo di rianimazione. Florin Petru, di origini romene ma nato in Italia, è morto alle 20.25. Stando a quel che riporta il sito www.viveresenigallia.it, il primo tentativo dei vigili del fuoco di calarsi con le maschere antigas è andato a vuoto perché la loro scala era troppo corta. Solo i sommozzatori sono riusciti poi a calarsi fino al fondo del pozzo.

L’analogia con la tragedia di Vermicino

Sulla morte del piccolo è stata aperta un’indagine da parte dei carabinieri di Senigallia e Corinaldo per attribuire eventuali responsabilità e ricostruire i fatti che ricordano un’altra tragedia simile, quella di Vermicino. Era il 1981 quando nel comune laziale perse la vita il piccolo Alfredino Rampi. Anche lui cadde ad una profondità di circa 60 mt nel pozzo in cui poco dopo morì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *