foto_linguaggio_neonato

Neonato dato per morto “resuscita” in modo miracoloso

Lo avevano dato per morto il piccolo Jemie, prematuro di 26 settimane che invece è stato il protagonista di un vero e proprio miracolo, sotto gli occhi esterrefatti di medici e ostetriche. Contro il parere di tutti oggi Jemie ha 5 anni ed è in perfetta salute.

Era nato da una gravidanza gemellare, di soli 6 mesi, troppo pochi per riuscire a respirare autonomamente e i medici non gli avevano dato speranza. “La sorrellina Emily strillava forte appena nata e con le cure intensive non ha avuto problemi, mentre Jamie non aveva emesso un solo vagito” racconta la mamma Kate Ogg. “I medici si sono raccolti intorno a lui ed hanno cercato di rianimarlo per 20 minuti. L’atmosfera era molto tesa. Ad un certo punto hanno smesso, scuotendo la testa ci hanno detto che non c’era più nulla da fare, il piccolo non riusciva a respirare e il suo battito stava rallentando”.

Ma la mamma non voleva arrendersi. I genitori hanno chiesto di poterlo tenere vicino, hanno stretto in un abbraccio pelle a pelle il suo corpicino freddo per cercare di dargli calore anche solo per un minuto. Gli hanno detto piano all’orecchio quanto lo avevano voluto, quanto volevano che lui sopravvivesse e che aveva una sorellina ad aspettarlo.

Improvvisamente tra le lacrime e lo sconforto il neonato in uno spasmo ha ripreso aria e ha aperto gli occhi. Prontamente i medici lo hanno rianimato e questa volta sono riusciti a stabilizzare il suo respiro e il suo battito. Tuttavia erano stati pessimisti: la carenza di ossigeno al cervello avrebbe potuto danneggiarlo inesorabilmente. Ma anche su questo invece un inaspettato lieto fine. Jemie oggi ha cinque anni ed è un bambino sanissimo. I genitori hanno avuto un terzo bambino, Charlie, che lo adora e ama parlare della miracolosa ri-nascita del suo fratellino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>