foto_frullato

Mamma avvelenata da sua figlia: tutta colpa dell’iPhone

I contrasti tra madre e figlia non mancano mai, ma il gesto compiuto da una ragazza di 12 anni ha davvero del’incredibile. La storia è avvenuta negli Stati Uniti, più precisamente nello stato del Colorado, ed è stata riportata dal quotidiano Daily Mail per poi fare il giro del mondo. A quanto pare una donna è stata avvelenata dalla figlia, che ha messo della candeggina all’interno del frullato che la mamma era solito prendere giornalmente. Il motivo? Tutta colpa dell’iPhone.

Una figlia ha deciso di avvelenare la propria madre perché quest’ultima le aveva sequestrato l’iPhone. Una punizione come tante altre, che capita spesso di ricevere in età adolescenziale. In questo caso, però, ha avuto dei risvolti drammatici. La donna ha iniziato a bere il suo frullato giornaliero quando ha sentito un forte bruciore in gola. Grazie all’intervento di un famigliare è stata subito trasportata in ospedale, dove è stata salvata in tempo ed è attualmente fuori pericolo di vita.

Una volta tornata a casa, la donna ha deciso di segnalare la figlia alle forze dell’Ordine, che hanno subito fermato la 12enne per tentato omicidio, portandola in un carcere minorile in attesa dell’inizio del processo. Stando a quanto dichiarato dalle dirette interessate, non era la prima volta che la ragazzina tentava di uccidere la madre a causa di una lite famigliare: già una volta aveva versato la candeggina nel frullato, ma la donna, sentendo uno strano odore, aveva deciso subito di buttare la bibita, senza nemmeno berne una goccia.

Questo ennesimo caso di cronaca ci lascia davvero stupiti e amareggiati, soprattutto perché ci appare strano come alcune problematiche famigliari, così semplici e comuni ai più, possano degenerare in tragedia. Solo qualche giorno fa vi avevamo raccontato della giovane madre che ha decapitato la figlioletta di tre mesi: quando non racconteremo più queste storie orribili?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>