foto_decreto_rilancio

Voucher baby sitter, congedo parentale, bonus vacanze: il ‘Decreto Rilancio’

Coronavirus, nuovo decreto: l’annuncio di Conte

Con una conferenza stampa a sorpresa tenuta ieri sera, il premier Giuseppe Conte ha annunciato una serie di nuove misure economiche volte ad aiutare le famiglie in difficoltà in questo periodo di crisi dovuto al COVID-19. Dal bonus nido all’estensione del congedo parentale, illustriamo di seguito tutte le novità introdotte nel nuovo decreto previsto per il mese di maggio, rinominato ‘Decreto Rilancio‘.

Il Decreto Rilancio: ecco cosa prevede

Per questo nuovo decreto sono stati stanziati ben 55 miliardi, pari a due leggi di Bilancio. Nel dettaglio, 25,6 miliardi saranno destinati ai i lavoratori, 15 alle aziende, 3,25 miliardi alla sanità, 1,4 miliardi a università e ricerca, 2 miliardi al turismo. Nel testo, che conta 250 articoli, sono previste anche misure speciali per le famiglie con i figli a carico.

foto_inps

Leggi anche: Bonus baby sitter da 1.200 euro

Bonus nido raddoppiato

Nel nuovo decreto è previsto infatti il raddoppio del voucher baby sitter, che da 600 euro passa a 1200 euro. Per gli operatori del servizio socio sanitario e per le forze dell’ordine, dai 1000 euro attuali si passerà invece ai 2000 euro. L’importante novità consiste nel fatto che il bonus sarà spendibile non solo per pagare le baby sitter, sempre più richieste a causa delle scuole chiuse, ma anche in centri estivi e servizi per l’infanzia.

foto_babysitter

Congedo parentale esteso a 30 giorni

Per tutti i genitori che sono già rientrati a lavoro, o che si preparano a farlo a partire dal prossimo 18 maggio, è prevista l’estensione del congedo parentale. Dai quindici giorni attuali infatti si passa ai 30 giorni. Questo congedo verrà pagato al 50% per chi ha figli fino a 12 anni, e potrà essere richiesto fino al 31 luglio 2020. Non solo: nel Decreto è previsto anche il diritto al lavoro agile – o smart working – per i dipendenti di aziende private con figli fino ai quattordici anni di età.

foto_mamma_lavoro

Bonus vacanza: 500 euro alle famiglie

Confermato anche il bonus vacanza per tutte le famiglie con un reddito inferiore ai 40.000 euro. L’agevolazione consiste in un contributo dal valore massimo di 500 euro da spendere per il soggiorno in alberghi, campeggi, villaggi, bed and breakfast in Italia. L’importo del bonus sarà modulato in base alla numerosità del nucleo familiare. Nel dettaglio sono previsti 500 euro per le famiglie composte da tre o più soggetti, 300 per le coppie e 150 per i single.

foto_vacanza_mare

Come spiegato dal ministro Franceschini, il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020. L’80% sarà uno sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura, mentre il restante 20% sarò detratto dall’imposta sul reddito.