foto_pelle_bambino

Voglie sulla pelle del neonato: da cosa dipendono realmente

Avrete sicuramente sentito dire che quando una mamma ha una voglia particolare nel corso della gravidanza, il bambino poi nascerà con una macchiolina rossa sulla pelle. Si tratta di credenze? C’è da crederci oppure no? Questa storia, dunque, pare non abbia conferme scientifiche ed a dirlo è stata una dottoressa Paola Marangione responsabile di neonatologia di Humanitas San Pio X. L’esperta sostiene che con il termine voglia si ci riferisce a tutta una serie di manifestazioni cutanee legate ad una presenza di capillari arteriosi e venosi.

Queste creano lesioni di colore rosso o Viola a livello cutaneo. A spiegare a che cosa sono le cosiddette “voglie” è stata la responsabile dell’Unità operativa di Dermatologia presso l’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, Maya El Hachem. La stessa Ha dichiarato che si tratta di manifestazioni cutanee un po’ più scure rispetto al colore della pelle.

Queste possono comparire o già dalla nascita o entro i primi anni di vita. Generalmente hanno delle dimensioni variabili da pochi mm ad alcuni centimetri. La loro forma può essere rotondeggiante oppure Ovale e generalmente crescono sul tronco e sugli Arti. Le macchie caffelatte possono avere una evoluzione nel corso del tempo.

Possono, dunque, aumentare di numero e di dimensioni soprattutto nei primi anni di vita del bambino. Ad ogni modo però non richiedono controlli medici proprio perché non causano alcun problema al bambino.

Macchie e neurofibromatosi: differenze

Queste macchie chiamate più comunemente voglie, si differenziano dalla neurofibromatosi. Si tratta di una patologia che inizialmente si manifesta con queste macchie, ma poi presenta delle caratteristiche che la differenziano letteralmente.

Questa patologia è caratterizzata da macchie che si presentano nei primi mesi anni di vita del bambino. che vanno aumentando di numero. Poi con l’avanzare dell’età, soprattutto all’età scolare, compaiono le lentiggini sulle ascelle e sull’inguine.

Infine verso l’età adolescenziale si formano i neurofibromi ovvero delle piccole tumefazioni di colore cute sana. Dunque, non sembra esserci alcuna correlazione tra le voglie particolari della mamma in gravidanza con la comparsa di queste macchioline sulla pelle del bambino.

Ho studiato Servizio Sociale, ma da oltre 5 anni lavoro nella realizzazione di contenuti per il web. Ho 33 anni e sono appassionata da sempre di scrittura, mi sono affiancata a questo lavoro perché mi permette di apprendere e condividere con gli altri importanti notizie e contenuti. Sposata da due anni, adesso il mio sogno è quello di diventare mamma. Amo i bambini e questo mi ha spinto a scrivere per Passione mamma, dove non soltanto posso condividere le mie conoscenze ed esperienze, ma posso anche apprendere tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *