foto_oculista

Vista: ecco perché portare il bimbo dall’oculista prima dei tre anni

L’importanza della visita oculistica prima dei tre anni

Il detto che dice “meglio prevenire che curare” non sbaglia: alle volte, infatti, basterebbe solo accorgersi in tempo di qualche malanno, o sottoporre i propri figli a delle visite preventive prima che la situazione si complichi. Questo riguarda anche la vista dei bambini che, se fatta prima del terzo anno di età, può evitare nel piccolo lo sviluppo di ambliopia.

Cosa è l’ambliopia

Per ambliopia, o meglio nota sindrome dell'”occhio pigro”, si intende quella condizione che ad oggi interessa il 4% della popolazione mondiale. Con questo termine si indica una riduzione della capacità visiva di un occhio o di entrambi, anche se quest’ultimo caso è più raro. È particolarmente importante portare i propri figli dall’oculista fin da piccoli, proprio perché l’ambliopia può sorgere a partire dai primi anni di vita.

foto_occhiali
Bambini con problemi di vista

L’iniziativa

Tra marzo e maggio 2019, l’associazione Vision+onlus ha voluto sensibilizzare la tematica, conducendo in cinque asili di Milano l’indagine “Occhi preziosi”. Si trattava di uno screening a cui sono stati sottoposti 480 bambini di età compresa fra i 3 e i 6 anni di età.

Leggi anche: Mangiare pesce in gravidanza può migliorare la vista e lo sviluppo cerebrale del bambino

Sebastiano Accetta, Segretario Vision + Onlus, Primario U.O. Oculistica Istituto Clinico Sant’Ambrogio e responsabile del progetto nelle scuole, ha spiegato che

Sono stati eseguiti l’autorefrattometria, per individuare eventuali difetti della vista come miopia, ipermetropia astigmatismo, l’esame ortottico che consente di dimostrare disturbi della mobilità oculare e l’esame del Riflesso Rosso per evidenziare patologie come la cataratta congenita.

foto_oculista

I risultati

Ne è emerso che solo 199 dei 480 bambini visitati erano stati portati dai genitori dall’oculista. Inoltre, 73 bambini (il 15,2%) avevano bisogno di un approfondimento di secondo livello.

Leggi anche: Vista neonati: colore e sviluppo

Si tratta di bambini non avrebbero scoperto il loro difetto sono fossero stati sottoposti allo screening

ha spiegato l’esperto, che ha infine esortato i genitori a non sottovalutare quello che potrebbe rivelarsi, con la crescita, un problema: il calo della vista.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *