foto_emanuele_bagnino

Vasto, bagnino sedicenne salva padre con tre figli: la storia

Vasto, il bagnino-eroe

Senza di lui, probabilmente, l’uomo non sarebbe riuscito a salvarsi facilmente. A Vasto, zona marittima nella provincia di Chieti, in Abruzzo, è stato provvidenziale l’intervento del giovanissimo bagnino Emanuele Verardi, di soli sedici anni. Ecco la bella storia, terminata per fortuna a lieto fine.

I fatti

I fatti risalgono a giovedì scorso. Un uomo in compagnia dei tre figli, verso le 19, si stava godendo le ultime ore di sole e relax quando improvvisamente ha iniziato ad avere delle difficoltà, mentre faceva il bagno in compagnia di uno dei suoi tre figli.. Stando a quanto riportato da testimoni, l’uomo non riusciva più a tornare indietro, trovandosi praticamente bloccato insieme al bimbo tra la prima e la seconda secca.

foto-spiaggia

Leggi anche: Sperlonga, tredicenne muore risucchiata dal bocchettone della piscina

L’intervento di Emanuele

Il giovane bagnino, poco più che adolescente, si è immediatamente buttato in acqua prendendo in braccio con sé il bimbo che l’uomo aveva in braccio. Solo a quel punto il papà è riuscito a riprendersi e a tornare a riva insieme agli altri due bambini.

L’intervento del giovane Emanuele è stato talmente tempestivo ed efficace che non è stato necessario nemmeno chiamare i soccorsi per precauzione. Una volta giunti a riva, sia l’uomo che il bimbo che aveva con sé stavano bene. Solo tanto spavento per tutti i bagnanti presenti al Lido Park Hotel di Vasto Marina.

foto_mare

L’episodio non è avvenuto davanti al nostro lido ma nelle adiacenze. Noi bagnini siamo in servizio ogni giorno fino alle 20 prestando attenzione a tutto ciò che può verificarsi in mare prevenendo situazioni potenzialmente pericolose

ha detto Emanuele, che ha ricevuto i complimenti ed i ringraziamenti dei presenti.

Leggi anche: Figlio rischia di annegare, la mamma lo salva e poi muore

Il ragazzo verrà premiato

Alessandra Cappa e Davide D’Alessandro, consiglieri comunali della Lega, invitano ora il Presidente del Piano a tributare al giovane Emanuele

un doveroso riconoscimento per indicarlo a tutti i giovani come riferimento ed esempio. Questi sono i giovani e i gesti da imitare in un contesto in cui gli adolescenti sono esposti alla Potenza della tecnica e all’indifferenza della rete. Emanuele, senza gesti enfatici ed esaltanti, ha salvato una vita. Onore a lui

hanno fatto sapere i due consiglieri.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *