foto_vaccino

Vaccini obbligatori, vigili bloccano una bambina non in regola all’asilo nido

Vaccini obbligatori: nel torinese espulsa una bambina dall’asilo nido

Continuano a far discutere i vaccini obbligatori. Nel Torinese, in particolare a Torre Pelice, all’ingresso dell’asilo nido, due genitori hanno trovato ad attenderli i vigili urbani. I due hanno capito subito il motivo di tale bizzarra presenza: la loro bambina non è in regola con le vaccinazioni. I genitori avevano già ricevuto la raccomandata che li avvisava che la loro figlia sarebbe stata espulsa se non avessero regolarizzato la situazione. I due però, convinti “no vax“, hanno continuato a portare la bambina a scuola come se niente fosse, fino ad oggi. I vigili urbani hanno impedito alla piccola di entrare al nido.

Ho capito subito perché erano lì, nostra figlia non è vaccinata e avevamo ricevuto la raccomandata che ci diceva che sarebbe stata espulsa.

ha raccontato Eros Giustetto, il padre 45enne, a Repubblica. La bambina è l’unica dell’asilo nido di Torre Pelice a non essere in regola con le vaccinazioni obbligatorie. Così, dopo vari avvisi da parte del comune, si è reso necessario l’intervento dei vigili urbani. Per il padre però tutto ciò non è giusto, perché la bambina è sana e di conseguenza non crede abbia bisogno dei vaccini.

Asilo nido, bambina espulsa nel Torinese

Ci siamo presentati lo stesso, perché avremmo voluto farle finire l’anno scolastico. Ad agosto compirà tre anni, è sana come un pesce, non si ammala mai.

ha raccontato il papà. L’uomo ha raccontato poi di aver chiesto alla Asl di fare alla bambina degli esami per capire se abbia o meno intolleranze ai farmaci prima di vaccinarla: gli esami, però, non sono ancora stati fatti e le tempistiche per presentare la certificazione dei vaccini obbligatori sono scadute già dal 10 marzo. La legge non prevede più proroghe e i genitori che non hanno vaccinato i figli non possono portarli all’asilo nido e alla materna. Il papà, infatti, è stato costretto a portare la figlia a lavoro con sé.

Adesso l’uomo e la compagna stanno cercando un asilo che permetta di iscrivere bambini non vaccinati, come gli asili steineriani. Il papà ha raccontato che la bambina ha fatto qualche capriccio quando i vigili l’hanno bloccata all’ingresso del nido:

Mi ha chiesto perché non poteva entrare in classe, le ho spiegato che c’erano dei problemi.

Vaccinazioni obbligatorie: la bimba è stata espulsa dopo molti avvisi ai genitori

Il sindaco di Torre Pellice Marco Cogno ha raccontato che da tempo il comune e la Asl provavano a parlare con i genitori.

Abbiamo dovuto prendere un provvedimento a seguito del decreto Lorenzin e delle procedure indicate dalla Regione. La legge è questa, con la famiglia è da ottobre che ci si incontra in Comune e che ci si scambia lettere. I genitori erano stati avvisati che da oggi, alla riapertura del nido, l’utente non era più ammissibile, quindi abbiamo mandato i vigili qualora la famiglia si fosse presentata. Così è stato e gli agenti hanno spiegato loro che bisognava applicare le norme. Se la famiglia adempie alla normativa, la struttura è aperta, ci mancherebbe”.

Il padre della bimba ha dichiarato di essere contrario, insieme alla compagna, ai vaccini esavalenti, e di non ritenere altri utili. Ieri sera i due hanno aderito anche al “Gruppo per la libertà vaccinale” di Pinerolo.