foto_vaccini_cerotto

I vaccini provocano l’autismo? Arriva la sentenza della Corte d’Appello

Vaccini e Autismo: il ricorso del Ministero della Salute

Non vi sono Evidenze Scientifiche che testimonino, con certezza, la correlazione causa-effetto tra le vaccinazioni obbligatorie e i disturbi dello spettro autistico. Tale conclusione è stata avanzata dalla Corte d’Appello di Salerno, accogliendo il ricorso del Ministero della Salute; quest’ultimo era insorto a seguito della sentenza del Giudice del Lavoro del Tribunale di Salerno, che in primo grado, ha riconosciuto come causa dell’insorgenza dell’autismo, proprio la somministrazione dei vaccini. Il bimbo in questione è Marco Reverchon, autistico.

Correlazione Vaccinazioni obbligatorie e Autismo

Il CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio) Michele Lupo ha sostenuto l’inconsistenza delle tesi secondo cui sussiste un nesso di causalità tra vaccini e autismo. In sostanza, ancora le cause dell’autismo non sono note, e di certo non è possibile affidarsi solo a ipotesi scientifiche; infatti, l’insorgenza della malattia è essenzialmente prenatale e genetica, e quindi niente si può escludere come agente determinante. Pertanto tutti coloro che relazionano i vaccini ai disturbi dello spettro autistico non sono dotati di studi e risultati “seri e credibili” (come affermato nella sentenza).

Per il CTU, in base ai risultati più recenti sull’autismo, esiste, purtroppo, un rapporto temporale che vede l’insorgenza dei disturbi proprio nei primi anni di vita, quando il oiccolo è soggetto alle vaccinazioni; quindi il tutto è frutto della casualità, che determina un quadro clinico netto di autismo solo nel periodo del calendario vaccinale.

Autismo ed encefalopatia post-vaccinale

Autismo ed encefalopatia post-vaccinale

Per quello che riguarda l’encefalopatia post-vaccinale non esiste nessuna documentazione, nemmeno anamnestica; i casi che si sono verificati sono rari (riguardanti encefalite ed encefalomielite), e testimoniano casi clinici acuti associati a sintomi neurologici, che nel bambino in questione erano assenti.

Esistono, in aggiunta, numerosi studi che hanno dimostrato come inconsistente la relazione tra MMR (morbillo-parotite e rosolia) e vaccini; infatti, la possibilità che i vaccini abbiano causato i danni encefalici a Reverchon “risulta in contrasto con le conoscenze scientifiche attuali e con le posizioni degli esperti maggiormente accreditati“, come afferma la relazione del CTU.


Leggi anche: Le vere cause dell’autismo e come riconoscerlo subito nel bambino

Thimerosal e vaccini

Il Thimerosal, ovvero sodio-etilmercurio-tiosalicilato, è ritenuto il componente dei vaccini in grado di scatenare l’autismo, poiché determina le encefalopatie già citate. Ma il CTU ha riportato gli studi scientifici che si pongono in contrasto a queste ipotesi. Il primo studio, di Nelson e Bauman (2003) ha rilevato che non c’è un aumento dei casi di autismo nelle popolazioni soggette a intossicazioni da mercurio; e pertanto non vi è un aumento nemmeno nelle popolazioni esposte a piccole dosi, come ad esempio diete a base di pesce.

Il secondo è uno studio del 2003-2004 che ha riscontrato come l’incidenza dell’autismo è la stessa tra i piccoli che avevano assunto Thimerosal e quelli vaccinati senza l’uso di questo componente. Infine il passaggio di etilmercurio, contenuto nei vaccini, è più difficile rispetto al metilmercurio, e ciò diminuisce la sua concentrazione a livello cerebrale.