vaccino esavalente effetti collaterali

Vaccinazioni obbligatorie in Italia: quali sono per iscriversi a scuola

Vaccinazioni obbligatorie in Italia

Non sono più 12 ma dieci i vaccini obbligatori per permettere l’iscrizione a scuola da 0 a 16 anni di età. Ebbene si, il vaccino obligatorio è ormai una prerogativa necessaria per la frequentazione scolastica, pena la non iscrizione fino ai 6 anni. Inoltre, è previsto il pagamento di multe per i genitori che non rispettano la vaccinazione obbligatoria dai 6 anni in poi.

Vaccino

I vaccini sono obbligatori anche per i minori stranieri non accompagnati. Tutte le vaccinazioni possono essere prenotate in farmacia. In più è stata istituita l’Anagrafe nazionale dei vaccini e vengono promosse varie iniziative di informazione e comunicazione sui vaccini obbligatori per i bambini.

Queste sono le principali novità che ha comportato l’approvazione della legge sui vaccini, firmata dal ministro della salute, Lorenzin. Tale provvedimento specifica quali sono i vaccini obbligatori.

vaccinazioni obbligatorie in Italia

Vaccinazioni obbligatorie

Quali sono i vaccini obbligatori? Vengono dichiarate obbligatorie per legge, secondo le indicazioni del Calendario dei vaccini allegato al Piano nazionale di prevenzione vaccinale vigente (età 0-16 anni) e in riferimento alla coorte di appartenenza, dieci vaccinazioni.

Si tratta di: anti-poliomelitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti Haemophilusinfluenzae tipo B, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella.

Vaccinazioni

Per le ultime 4 vaccinazioni elencate, è prevista una valutazione dopo tre anni per l’eventuale eliminazione dell’obbligo. Saranno offerti inoltre i vaccini contro meningococco B, meningococco C, pneumococco e rotavirus.

Tra l’altro, i primi due citati, in origine erano previsti nel decreto come obbligatori. Sarà possibile procedere alla vaccinazione monocomponente per chi risulti già immunizzato per alcuni di questi vaccini. Basteranno due iniezioni, in quanto sei vaccini possono essere somministrati insieme, con l’esavalente che comprende l’anti-poliomielite, l’anti-difterite, l’anti-tetano, l’anti-epatite B, l’anti-pertosse e l’anti-Haemophilus Influenzae tipo b.

Gli altri quattro possono essere somministrati con il quadrivalente, ovvero anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella.

vaccino

Legge per tutti

Tali vaccinazioni possono essere omesse o differite solo in caso di accertato pericolo per la salute documentato e attestato dal medico. In caso di violazione dell’obbligo vaccinale ai genitori è comminata la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro. Le sanzioni vengono irrogate dalle Aziende sanitarie nei confronti dei genitori a cui l’Asl contesta la mancata vaccinazione. Questi ultimi possono provvedere entro il termine indicato a mettersi in regola.

Calendario vaccinazioni

Non possono essere iscritti agli asili nido ed alle scuole dell’infanzia, pubbliche e private, i minori che non sono in regola con il calendario delle vaccinazioni obbligatorie. In tal caso, il dirigente scolastico segnala, entro 10 giorni, all’Azienda sanitaria competente il nominativo del bambino affinchè si adempia all’obbligo vaccinale. Chi è in attesa di vaccinare il bambino può comunque iscriverlo, presentando copia della prenotazione dell’appuntamento presso la azienda sanitaria locale.

Vaccini obbligatori in Italia

I vaccini possono essere prenotati anche in farmacia, gratuitamente. I genitori possono recarsi all’Asl per avere informazioni sulle modalità e i tempi di vaccinazione dei propri figli. Nell’Anagrafe nazionale vaccini sono registrati tutti i soggetti vaccinati e da sottoporre a vaccinazione, le dosi ed i tempi di somministrazione e gli eventuali effetti indesiderati.


Leggi anche: Perché i vaccini sono obbligatori solo in Italia e non in altri paesi europei


Nell’ambito della campagna d’informazione sulle vaccinazioni, il ministero della Salute e dell’Istruzione promuovono, dall’anno scolastico 2017/2018, iniziative di formazione del personale docente ed educativo e di educazione delle alunne e degli alunni, delle studentesse e degli studenti sulla prevenzione sanitaria e sulle vaccinazioni.